Google Messaggi

Google Messaggi supporterà la crittografia end-to-end

Google ha annunciato la disponibilità globale delle funzionalità di chat RCS in Messaggi e l'avvio dei test per la crittografia end-to-end.

Google ha annunciato due importanti novità per la sua app Messaggi. L’azienda di Mountain View ha completato il rollout globale (tranne che in Russia, Cina, Iran e Siria) della funzionalità di chat tramite RCS (Rich Communication Services) e avviato i test per la crittografia end-to-end.

Google Messaggi, funzionalità di chat

Oltre due anni fa, Google aveva iniziato ad implementare lo standard RCS, grazie al quale è possibile utilizzare funzionalità più avanzate dei tradizionali (e ormai obsoleti) SMS, come le conferme di lettura, le conversazioni di gruppo e la condivisione di foto. L’azienda di Mountain View aveva lasciato l’attivazione nelle mani degli operatori telefonici, ma viste le varie problematiche (tra cui l’assenza di interoperabilità), ha deciso di gestire direttamente i servizi RCS.

Ora il processo è stato completato e tutti gli utenti Android (o quasi) possono utilizzare le funzionalità di chat basate su RCS (da attivare nelle impostazioni). L’app Messaggi potrebbe teoricamente diventare un diretto concorrente di WhatsApp, Telegram o Facebook Messenger.

Crittografia end-to-end

Per garantire la massima sicurezza delle conversazioni RCS, Google ha avviato i test per la crittografia end-to-end. La funzionalità è accessibile solo ai beta tester e solo per le chat one-to-one. Le chat protette dalla crittografia end-to-end non possono essere lette da nessuno.

La sua attivazione viene indicata con un lucchetto all’inizio della conversazione, accanto al pulsante di invio e accanto alla data di invio del messaggio. Se il destinatario non usa l’app Messaggi o le funzionalità di chat non sono attive, la crittografia end-to-end viene disattivata. Quindi il messaggio RCS non è protetto oppure diventa un normale SMS (se non viene usata la connessione WiFi o mobile). Come spiegato nel documento tecnico, Google ha scelto il protocollo Signal, lo stesso usato da Signal e WhatsApp.

PCProfessionale © riproduzione riservata.