Android

Lenovo presenta gli Yoga Tablet

Redazione | 30 Ottobre 2013

Android Tablet

Dopo aver aperto la strada ai dispositivi multi-uso con il primo laptop convertibile Yoga, Lenovo ha presentato ieri a Los […]

Yoga_TabletDopo aver aperto la strada ai dispositivi multi-uso con il primo laptop convertibile Yoga, Lenovo ha presentato ieri a Los Angeles il primo tablet progettato per offrire tre diversi modi di utilizzo: libro, tilt, stand.

Lenovo Yoga Tablet si adatta al modo in cui gli utenti vogliono usarlo: “One size doesn’t fit all” è il claim di Lenovo, ovvero “la stessa taglia non va bene per tutti”, il che significa che un dispositivo come il tablet non può essere utilizzato solo in un modo unico.
Gli utenti fanno fatica a tenere in mano il tablet, la mancanza di un supporto incorporato ne rende più scomodo l’utilizzo, specialmente quando il dispositivo è appoggiato su una superficie piana dove l’angolo di visione risulta inadeguato.
Per questo Lenovo ha voluto rompere gli schemi abituali del design, progettando Yoga Tablet che offre un’originale impugnatura cilindrica che si adatta ai vari modi di utilizzo: la modalità  libro è progettata per adattarsi alla mano dell’utente così che sia più facile tenere in mano lo Yoga tablet e avere un maggior controllo sul dispositivo. YogaTabletHoldMode
Questa modalità  è pensata per facilitare la lettura, la navigazione e la consultazione dei social media. Per passare alla modalità  stand basta ruotare il cilindro laterale di 90 gradi in modo che il tablet stia in piedi da solo sulla scrivania o sul tavolo; l’angolo di visione può essere modificato a piacere da 110 gradi a 135 gradi in base alle esigenze; questa modalità  è consigliata per guardare video, fare videochiamate e interagire con il touchscreen a dieci punti senza ricorrere ad accessori esterni. Infine gli utenti hanno a disposizione anche la modalità  tilt di appoggio obliquo del tablet, per digitare, giocare o navigare su Internet con un angolo di visione migliore.

Il design dello Yoga Tablet prevede una batteria a lunga durata, fino a 18 ore. L’impugnatura cilindrica racchiude infatti batterie doppie che, a differenza dei comuni tablet, sono come quelle che si trovano nei laptop. Lo Yoga Tablet è inoltre in grado di ricaricare altri dispositivi, come gli smartphone, tramite la porta Usb. Lenovo rende disponibile Yoga tablet in due modelli: da 10 e da 8 pollici, entrambi basati su processori Quad Core MT8125 o MT8389 per i modelli 3G, e sistema operativo Android 4.2. Grazie al sistema audio Dolby si può ascoltare un suono surround sia con gli altoparlanti sia con le cuffie del dispositivo. Entrambi i modelli sono leggeri: quello a 10 pollici pesa 600 grammi mentre quello a 8 pollici pesa 400 grammi. Su entrambi c’è un display ad alta definizione 1280×800, una fotocamera posteriore autofocus da 5 mpixel e una fotocamera anteriore, più la memoria interna eMMC da 16 Gbyte (e uno slot di espansione micro SD), WiFi con 3G opzionale, una connessione micro USB e sistema Dolby DS1.

[nggallery id=2211]

Per il modello a 10 pollici Lenovo offre una tastiera Bluetooth opzionale che funge da cover e che riavvia automaticamente il tablet quando viene rimossa, o viceversa lo fa passare alla modalità  sleep quando viene chiusa. C’è un dongle opzionale WD100 per inviare contenuti video dal tablet alla TV in modalità  wireless. Lenovo propone una serie di servizi e soluzioni tra cui estensioni di garanzia, aggiornamenti e supporto tecnico premium.

I nuovi Lenovo Yoga Tablet da 8 e 10 pollici saranno in vendita in Italia da fine novembre a un prezzo di 229 euro e 299 euro per i modelli Wi-Fi (e rispettivamente 279 euro e 349 euro, per i modelli 8 e 10 pollici con 3G). La tastiera cover bluetooth opzionale per lo Yoga Tablet da 10 pollici sarà  disponibile a 99 euro.

Moto G9 Plus

Smartphone

Motorola svela gli smartphone che riceveranno Android 11

Luca Colantuoni | 22 Dicembre 2020

Android Motorola Smartphone

Motorola ha comunicato i nomi degli smartphone che verranno aggiornati ad Android 11 nei prossimi mesi, ma non è nota la tempistica.

A distanza di oltre un mese dal debutto ufficiale del nuovo sistema operativo, Motorola ha finalmente svelato i nomi degli smartphone che riceveranno Android 11. Purtroppo non è stata comunicata la roadmap, quindi gli utenti potrebbero attendere anche diversi mesi.

Motorola non apporta eccessive modifiche alla versione stock di Android, quindi l’esperienza d’uso è simile a quella offerta da Google Pixel. Nonostante ciò, la distribuzione degli aggiornamenti avviene con una certa lentezza. Secondo Counterpoint Research, Lenovo (proprietario di Motorola) occupa la parte bassa della classifica, davanti a LG.

Motorola Razr 5G

Motorola afferma che il rilascio dell’aggiornamento ad Android 11 inizierà nei prossimi mesi per questi smartphone:

  • Motorola Razr 5G
  • Motorola Razr 2019
  • Motorola Edge
  • Motorola Edge+
  • Motorola One 5G
  • Motorola One Action
  • Motorola One Fusion
  • Motorola One Fusion+
  • Motorola One Hyper
  • Motorola One Vision
  • Moto G 5G
  • Moto G 5G Plus
  • Moto G Fast
  • Moto G Power
  • Moto G Pro
  • Moto G Stylus
  • Moto G9
  • Moto G9 Play
  • Moto G9 Plus
  • Moto G9 Power
  • Moto G8
  • Moto G8 Power
  • Lenovo K12 Note

I modelli venduti in Italia, ma non inclusi nell’elenco sono: Motorola One Macro, Motorola One Zoom, Moto G8 Power Lite e, stranamente, Moto G8 Plus (probabilmente perché è nato con Android 9 Pie). Ovviamente non verrà aggiornato nessun modello della serie Moto E7.

Motorola Edge+

In fondo al comunicato, Motorola chiarisce che si tratta di informazioni soggette a modifiche. Il produttore statunitense non garantisce che l’aggiornamento arrivi sui dispositivi elencati, in quanto le informazioni non rappresentano un impegno o un obbligo. In pratica, Motorola può decidere di non rilasciare Android 11 per uno o più smartphone.

Qualcomm

Smartphone

Smartphone con chip Qualcomm, update per quattro anni

Luca Colantuoni | 17 Dicembre 2020

Android Google Qualcomm Smartphone

Google e Qualcomm hanno avviato una collaborazione per migliorare il design Project Treble attraverso il supporto per quattro major release di Android.

Qualcomm e Google hanno annunciato una collaborazione che prevede il miglioramento del famoso design Project Treble. Gli utenti che acquisteranno nuovi smartphone con processore Snapdragon e Android 11 potranno ricevere quattro aggiornamenti del sistema operativo e patch di sicurezza per quattro anni.

Project Treble è stato introdotto con Android 8.0 Oreo per ridurre la frammentazione attraverso la separazione tra il framework del sistema operativo e il software di basso livello (specifico per ogni dispositivo) denominato “vendor implementation”. Le immagini di sistema rilasciate da Google (basate su Android Open Source Project) garantiscono la retrocompatibilità per tre versioni precedenti del software di basso livello, oltre a quella attuale (quindi per un totale di quattro).

Il nuovo design rappresenta però uno svantaggio per i produttori di chip, in quanto per ogni SoC devono essere supportate varie combinazioni di framework e software di basso livello per consentire agli OEM di usare il chip per i nuovi dispositivi e di rilasciare update per i vecchi dispositivi.

Project Treble

Per risolvere il problema, Google consentirà ai produttori di SoC di supportare Android con lo stesso software di basso livello per i nuovi e i vecchi dispositivi. Qualcomm supporterà quattro versioni del sistema operativo (quella di lancio più tre successive), ovvero Android 11, 12, 13 e 14, oltre a quattro anni di aggiornamenti di sicurezza.

I miglioramenti per Project Treble interesseranno inizialmente lo Snapdragon 888, ma verranno estesi anche ad altri processori. Questa novità dovrebbe velocizzare la distribuzione degli aggiornamenti da parte dei produttori di smartphone, ma solo alcuni di essi mantengono la promessa.

Nokia C1 Plus

Smartphone

Nokia C1 Plus, connettività 4G e Android 10

Luca Colantuoni | 15 Dicembre 2020

Android Nokia Smartphone

Il Nokia C1 Plus con schermo da 5,45 pollici, processore quad core, 1 GB di RAM, connettività 4G e sistema operativo Android 10 Go Edition è in vendita a 69,00 euro.

Insieme al Nokia 5.4, HMD Global ha presentato un nuovo smartphone di fascia bassa che sarà disponibile in alcuni paesi. Il Nokia C1 Plus è la versione aggiornata del Nokia C1, dal quale eredita la maggior parte delle caratteristiche. Ci sono però importanti miglioramenti per lo schermo e la connettività. Nel catalogo del produttore finlandese ci sono anche Nokia C2 e Nokia C3, ma nessun modello della serie può essere acquistato in Italia.

Il Nokia C1 Plus possiede un cover in policarbonato, un materiale meno pregiato rispetto all’alluminio e al vetro, ma sicuramente più resistente. Lo schermo da 5,45 pollici ha una risoluzione HD+ (quella del Nokia C1 è FWVGA+) e cornici piuttosto evidenti. Il design non è quindi il punto di forza, ma si tratta di uno smartphone molto economico.

La dotazione hardware comprende un processore quad core con frequenza di 1,4 GHz, 1 GB di RAM DDR3 e 16 GB di storage, espandibili con schede microSD fino a 128 GB. Le fotocamere frontale e posteriore hanno sensori da 5 megapixel, il flash LED e supportano la tecnologia HDR.

La connettività è garantita dai moduli WiFi 802.11b/g/n, Bluetooth 4.2, GPS e LTE (dual SIM). Il supporto per le reti 4G è sicuramente il miglioramento più importante rispetto al precedente Nokia C1. Sono inoltre presenti il jack audio da 3,5 millimetri e la porta micro USB 2.0.

Nokia C1 Plus

La batteria (rimovibile) ha una capacità di 2.500 mAh e offre un’autonomia abbastanza elevata. Il sistema operativo è ovviamente Android 10 Go Edition (molto probabile l’aggiornamento ad Android 11 Go Edition). Due i colori disponibili: blu e rosso. Il prezzo del Nokia C1 Plus è 69,00 euro.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.