Facebook

Facebook testa Face ID e pannello Wikipedia

Facebook ha iniziato a testare l'uso del Face ID per l'accesso a Messenger e la visualizzazione delle informazioni da Wikipedia sul social network.

L’azienda di Menlo Park ha avviato da qualche giorno due esperimenti, uno per il servizio di messaggistica e uno per il social network. Il primo riguarda Messenger per iOS e permette agli utenti di proteggere le conversazioni con Face ID. Il secondo, che riguarda invece Facebook per iOS, desktop e mobile web, consente di visualizzare un pannello con informazioni ricavate da Wikipedia.

Face ID per Facebook Messenger

La funzionalità denominata App Lock è stata sviluppata per offrire agli utenti un ulteriore livello di sicurezza e ridurre al minimo il rischio di accessi non autorizzati alle conversazioni. Se viene attivata nelle impostazioni del dispositivo, Messenger chiede di verificare l’identità prima di leggere le conversazioni. Oltre al Face ID (sblocco tramite riconoscimento facciale) è possibile scegliere il Touch ID (sblocco con impronta digitale) o il tradizionale passcode. È comunque possibile rispondere ai messaggi dalle notifiche e alle chiamate quando Messenger è bloccato.

La richiesta della verifica può essere mostrata subito dopo la chiusura dell’app oppure dopo un certo intervallo di tempo (un minuto, 15 minuti, un’ora). Un portavoce di Facebook ha confermato il test per la funzionalità di sicurezza, ma senza comunicare quando sarà disponibile per tutti (e anche su Android).

Facebook Messenger - App Lock test

Informazioni da Wikipedia

L’obiettivo dell’esperimento avviato su Facebook è invece mostrare agli utenti informazioni su persone pubbliche, luoghi e interessi (ad esempio film e serie TV). La fonte dei dati è Wikipedia. Quando viene effettuata una ricerca nella barra superiore, il social network visualizza un pannello lungo il lato destro, simile al Knowledge Panel di Google. Ciò evita di uscire da Facebook per cercare le informazioni.

Facebook - Wikipedia panel

L’integrazione non è ancora perfetta perché per alcune ricerche non viene visualizzato nulla. La funzionalità potrebbe essere utilizzata per limitare la diffusione di fake news sul social network, anche se qualcuno dubita dell’affidabilità di Wikipedia. Il test è stato avviato solo per alcuni utenti in lingua inglese.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.