Google Maps

Google Maps, novità per i luoghi salvati

La scheda Salvati di Google Maps è stata aggiornata per mostrare i luoghi salvati di recente, quelli più vicini e quelli già visitati dall'utente.

Google Maps ha ricevuto recentemente un aggiornamento estetico che migliora la qualità delle mappe. L’azienda di Mountain View ha ora annunciato una novità che permette di sfruttare al meglio la scheda dei luoghi salvati introdotta a febbraio in occasione del 15esimo compleanno del popolare servizio.

Google spiega che la funzionalità è una delle più utilizzate dagli utenti (oltre 7 miliardi di luoghi salvati nel mondo), quindi è arrivato il momento di offrire una migliore esperienza d’uso. La scheda Salvati (al centro della barra inferiore) consente di accedere a quattro elenchi predefiniti di luoghi (da visitare, preferiti, speciali e etichettati), ma è possibile creare nuovi elenchi toccando il pulsante + in alto a destra.

Con l’ultimo aggiornamento sono state aggiunte tre sezioni. Nella parte superiore della schermata sono visualizzati i luoghi salvati recentemente, velocizzando quindi la ricerca. Google Maps mostra inoltre i luoghi che si trovano nelle vicinanze dell’utente (se è stato concesso il permesso di accesso alla posizione). I luoghi sono elencati in base alla distanza (dal più vicino al più lontano).

Google Maps scheda Salvati

Infine, se è stata attivata la cronologia delle posizioni, l’app sfrutta la timeline per mostrare i luoghi visitati, ordinati per data, città, regione o paese. Dopo queste nuove tre sezioni ci sono i quattro elenchi suddetti. La novità rende sicuramente più utile la scheda Salvati. Tuttavia il suo uso non è ancora ottimale. Se il numero di luoghi è elevato, la mappa verrà coperta da numerose etichette che non possono essere nascoste singolarmente (è possibile nascondere solo i singoli elenchi).

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.