Compleanno Gmail

Google Meet arriva in Gmail per Android e iOS

Nelle prossime settimane sarà possibile utilizzare Google Meet direttamente da Gmail per Android e iOS, senza installare altre app.

Zoom, Microsoft e Google continuano ad aggiornare i loro servizi per le videoconferenze per attirare un numero maggiore di utenti. Stavolta è il turno dell’azienda di Mountain View che ha annunciato l’integrazione di Google Meet in Gmail per Android e iOS. Ciò significa che non sarà necessario installare l’app dedicata.

Google Meet in Gmail per Android e iOS

Nei primi mesi del 2020, Google Meet ha incrementato la sua popolarità a causa della pandemia COVID-19 che ha costretto milioni di persone a cambiare le proprie abitudini di lavoro e studio. Per questo motivo l’accesso al servizio, precedentemente esclusivo degli abbonati alla G Suite, è diventato gratuito (con il limite di 60 minuti a sessione dal 1 ottobre). È infatti sufficiente un account Gmail per avviare una videoconferenza.

Meet è stato successivamente integrato nella versione web di Gmail (oltre che in Google Calendar) e presto sarà accessibile direttamente da Gmail per Android e iOS. Nella parte inferiore della schermo verrà aggiunta una scheda Meet che permette di vedere i meeting in programma e di partecipare con un singolo tap oppure di creare una nuova riunione. In alternativa sarà possibile partecipare alla videoconferenza toccando il link ricevuto nella casella Gmail.

Google Meet in Gmail mobile

L’integrazione sarà attiva per default, ma gli utenti potranno nascondere la scheda Meet deselezionando l’opzione corrispondente nelle impostazioni di Gmail (accessibili toccando le tre linee orizzontali in alto a sinistra).

Verifica in due passaggi con smartphone

Google ha annunciato un’altra novità relativa alla sicurezza dell’account. A partire dal 7 luglio, la verifica tramite smartphone diventerà la modalità predefinita per la verifica in due passaggi. Gli utenti potranno ancora usare altri metodi, come la ricezione di un codice tramite SMS.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.