hotline app facebook clubhouse

Hotline di Facebook: cos’è l’app in risposta a Clubhouse

Facebook ha lanciato Hotline, l'app di chat vocali e video in risposta a Clubhouse: cos'è, come funziona e quando arriva in Italia

Dopo diverse notizie in merito, Facebook ha lanciato la sua applicazione Hotline, in risposta a Clubhouse. Il gruppo di ricerca e sviluppo interno, dal nome NPE Team, infatti ha avviato la fase di beta test questa nuova piattaforma, descritta come un incrocio tra Instagram e Clubhouse. Si tratta di un’applicazione che permette ai creatori di parlare a un pubblico che può porre domande tramite testo o audio. Come maggiore differenza rispetto alla popolare app di chat audio, si può scegliere di mostrarsi anche in video, e non solo con la voce.

Come specificato, la nuova app prende ispirazione da un social network emergente, ovvero Clubhouse. In effetti, l’interfaccia utente di Hotline risulterà familiare a chiunque abbia già utilizzato Clubhouse, Twitter Spaces o qualsiasi altro social network solo audio. Per accedere è necessario verificare la propria identità collegandosi con Twitter e usando poi con un codice inviato tramite SMS. Una volta entrati su Hotline, nella parte superiore del dispositivo mobile, o sul lato sinistro del desktop, è presente una sezione relatore. Qui l’ospite dell’evento appare in un’icona circolare del profilo o in uno streaming video live. Sotto, o a lato sul desktop, ci sono invece gli ascoltatori dell’evento. Comunque ci sono anche molte differenze tra Hotline e Clubhouse.

Le differenze tra Hotline e Clubhouse

La sezione degli ascoltatori, ad esempio, è suddivisa tra coloro che stanno solo guardando l’evento e coloro che stanno facendo domande. Nella parte superiore di questa sezione, vengono mostrati gli elenchi di domande che gli utenti hanno posto. Inoltre gli altri possono votarle in positivo o in negativo. Il creatore può quindi consultare questa sezione per scoprire a quali domande rispondere successivamente e può trascinare gli ascoltatori in un’area dedicata per una conversazione. Quando vengono poste le domande, gli utenti possono reagire con emoji tra cui battito di mani, fuoco, cuore, risate, sorpresa e pollice in alto.

Gli host hanno il pieno controllo sull’esperienza e possono rimuovere le domande inappropriate o allontanare le persone dalla loro sessione Hotline. Per i test iniziali, i dipendenti di Facebook modereranno gli eventi e rimuoveranno chiunque violi gli standard della community, i Termini di servizio, le norme sui dati.

Un’altra differenza notevole tra Hotline e Clubhouse è che gli eventi Hotline vengono registrati. Infatti, Clubhouse favorisce chat più informali in cui le persone sanno che non è in corso alcuna trascrizione o registrazione. Questo, secondo Clubhouse, consente ai partecipanti di parlare più liberamente e con meno limiti. Invece Hotline produce automaticamente le sue registrazioni. Dopo l’evento, l’ospite riceverà due registrazioni della sessione: una in mp3 e l’altra in mp4. Il creatore può quindi caricarli su altre reti, come YouTube o Facebook, modificarli in contenuti di breve durata per app come TikTok o trasformare la registrazione audio in un podcast.

Al momento del lancio, chiunque può iscriversi a Hotline gratuitamente e non ci sono limiti alle dimensioni del pubblico, anche se questo potrebbe cambiare con l’avanzare dell’esperimento.

Hotline è ora una delle numerose app che il team NPE di Facebook ha lanciato nello spazio dei creatori per sperimentare. L’azeienda inoltre sta continuando a testare un’app per i creatori chiamata Super, simile a Cameo, online e interamente video. In precedenza ha anche testato un’app per chiamate solo audio, CatchUp, chiusa però lo scorso anno.

Hotline ha già un sito ufficiale, tuttavia in Italia risulta solamente una schermata con scritto Coming Soon!. Lo strumento non è quindi ancora disponibile nel nostro paese.

PCProfessionale © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare