instagram filtro dm

Instagram consente di limitare i DM delle persone che non ci seguono

Instagram lancia la funzione che consente di limitare i DM delle persone che non ci seguono: addio alle interazioni non desiderate

Instagram è stato al centro di una polemica quest’estate legata ad alcune stelle del calcio inglesi. In particolare i giocatori Bukayo Saka, Marcus Rashford e Jadon Sancho hanno ricevuto svariati messaggi razzisti in seguito alla sconfitta agli Europei 2020. Oggi, il social media ha deciso di cercare di impedire che alcuni di questi comportamenti si ripetano. Infatti ha introdotto una novità, che include delle nuove funzioni di sicurezza.

Infatti Instagram ha deciso di inserire nella sua app, in particolare tra i DM, la feature chiamata “limiti“. L’attivazione di questa opzione impedisce a chiunque non ci segua o ci abbia seguito di recente di commentare i nostri post o inviare un DM. La funzione è disponibile per tutti a livello globale a partire da oggi. Instagram sottolinea che probabilmente sarà molto utile per le aziende e i creatori che spesso ricevono una raffica di risposte. Naturalmente, si potrebbe anche optare per disattivare completamente i commenti o i messaggi diretti; tuttavia Instagram afferma che questa novità nasce per le persone che desiderano ancora la possibilità di interagire con la propria community. Il social afferma che sta anche esplorando nuovi modi per suggerire preventivamente alle persone di attivare questa funzione quando si rileva un picco di attività.

Le hidden features di Instagram

Pare inoltre che, Instagram stia perfezionando la funzione hidden features, che consente alle persone di filtrare automaticamente i messaggi diretti che contengono parole, frasi ed emoji offensive, e relegandoli in una cartella nascosta. La funzione ora ha un elenco più ampio di parole, emoji e hashtag potenzialmente offensivi per gli utenti. Inoltre Instagram sta avvertendo in modo sempre più severo le persone che cercano di pubblicare commenti offensivi.

“Speriamo che queste nuove funzionalità proteggano meglio le persone dalla visualizzazione di contenuti offensivi, che siano razzisti, sessisti, omofobici o qualsiasi altro tipo di abuso“, scrive Instagram in un comunicato stampa. “Sappiamo che c’è ancora molto da fare, compreso il miglioramento dei nostri sistemi per trovare e rimuovere più rapidamente i contenuti offensivi e responsabilizzare coloro che li pubblicano”.

Le molestie razziste delle stelle del calcio hanno spinto Instagram a trovare una soluzione. Il social ha deciso di agire lanciando queste nuove funzionalità, che potrebbero offrire un po’ di aiuto a chi ne ha bisogno.

PCProfessionale © riproduzione riservata.

Newsletter di PC Professionale

Nessun Articolo da visualizzare