WhatsApp Business

WhatsApp Business, chat con codici QR

WhatsApp Business consente di avviare una conversazione con le aziende tramite scansione del codice QR e di condividere il catalogo dei prodotti.

Facebook ha deciso di puntare sui codici QR per semplificare l’uso del suo servizio di messaggistica. Mentre nella versione consumer sono utilizzati per aggiungere un contatto, in WhatsApp Business permette di avviare direttamente una chat con le aziende. La secondo novità annunciata dall’azienda di Menlo Park è la condivisione dell’intero catalogo, dei singoli prodotti o dei servizi.

La pandemia COVID-19 ha costretto le aziende di tutto il mondo ad utilizzare i canali di vendita digitali, considerato che i clienti non possono recarsi presso i negozi fisici. Oltre che social media e siti web, le PMI hanno sfruttato in particolare le funzionalità di WhatsApp Business per rimanere in contatto con gli utenti. Attualmente questa versione del servizio di messaggistica ha superato i 50 milioni di utenti.

Per agevolare l’interazione iniziale è possibile sfruttare i codici QR che l’azienda può esporre in vetrina, indicare sulla confezione di un prodotto o stampare sulla fattura. I clienti devono semplicemente leggere il codice QR con la fotocamera per salvare il numero di telefono e avviare una chat. L’azienda può impostare un messaggio di benvenuto, eventualmente con informazioni aggiuntive. Sono inoltre disponibili vari sticker per comunicare, ad esempio, che il negozio è aperto o chiuso, che un prodotto è terminato o che è in corso una vendita promozionale.

WhatsApp Business - sticker

La visualizzazione del catalogo è disponibile da novembre 2019. WhatsApp Business consente ora di condividere il link all’intero catalogo e al singolo prodotto o servizio. È sufficiente scegliere cosa condividere e copiare il link in una chat di gruppo o singola, via email o altre app di messaggistica.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.