Successivo >
Gutenberg

News

ClassicPress, fork di WordPress al netto di Gutenberg

Alfonso Maruccia | 23 Agosto 2018

Servizi Web

I gestori del progetto Wordpress.org hanno deciso di imporre un nuovo editor non gradito dalla community, e uno sviluppatore WordPress ha deciso di anticipare i tempi con una fork del codice aperta al volere della suddetta community.

Il momento del debutto ufficiale di Gutenberg è sempre più vicino e la community, già non molto favorevole alla decisione degli sviluppatori di imporre la nuova “esperienza di editing” all’intero mercato dei siti basati su WordPress(.org), si sta organizzando per biforcare il codice del CMS (Content Management System) con il progetto ClassicPress.

WordPress è ovviamente il backend che da vita a decine di milioni di siti Web, e in particolare il 30% dei 10 milioni di siti Web più popolari al mondo, mentre Gutenberg è un progetto di ampio respiro che introduce un nuovo paradigma di creazione dei contenuti basato su una struttura “a blocchi”; inizialmente Gutenberg interesserà l’editor di articoli di WP, mentre in futuro la costruzione a blocchi verrà estesa all’intera gestione del backend.

Il team di WordPress crede fermamente nella “vision” di Gutenberg, un progetto per cui si sono sprecati paragoni iperbolici con l’omonimo inventore della stampa a caratteri mobili (Johannes Gutenberg) che ha dato il via alla rivoluzione della carta stampata nel XV secolo. Gutenberg verrà integrato direttamente nel core di WordPress.org entro la fine dell’anno con la distribuzione della versione 5.0, ma se l’accoglienza fin qui riservata al nuovo editor dalla community è indicativa si tratterà di un upgrade dagli effetti a dir poco dirompenti.

La stragrande maggioranza di chi ha già installato e provato Gutenberg in formato plugin, infatti, ha rilasciato un giudizio decisamente negativo (una stella su cinque) per un’esperienza complicata, piena di bug, incompatibile con l’attuale ecosistema di plugin e temi WordPress e incapace persino di raggiungere l’obiettivo fissato, vale a dire la semplificazione della creazione dei contenuti per gli utenti meno esperti. Per tanti Gutenberg è un passo indietro inaccettabile nello sviluppo del CMS, e lo sviluppatore Scott Bowler ha deciso di anticipare i tempi dando il via a una hard fork di WordPress chiamata ClassicPress.

ClassicPress vuole preservare l’esperienza di editing tradizionale e la compatibilità della piattaforma WordPress estromettendo dal codice qualsiasi riferimento a Gutenberg, ha spiegato Bowler, con un CMS davvero aperto alla volontà della community in merito alla sua evoluzione futura e non gestito in maniera dittatoriale da una piccola elite com’è invece avvenuto nel caso di WordPress. Lo sviluppatore ha anche proposto una petizione per dissuadere l’inclusione di Gutenberg nel core del CMS, ma qualora il tentativo di far rinsavire Matt Mullenweg e soci si rivelasse infruttuoso l’alternativa ClassicPress è già pronta.