In che modo l'AI di Facebook determina quale news mostrare sul feed

In che modo l’AI di Facebook determina quale news mostrare sul feed?

In che modo il feed di news di Facebook decide quali post mostrarti e quando? Facebook ha rilasciato una spiegazione completa che racconta come funziona

Il sistema di funzionamento del feed news di Facebook è molto complesso. Infatti il social media è gestito da un team di ingegneri che ha deciso di spiegare ai propri utenti come funziona l’algoritmo che mostra determinate notizie a determinate persone. Il social media ha scelto come media per raccontare come funziona la news feed un video, che racconta il funzionamento dell’algoritmo.

Il team tecnico e la redazione di Facebook spiegano con chiarezza la metodologia dell’algoritmo e il sistema di classificazione dei feed di notizie. Il video mostra come vengono analizzati il comportamento e le attività degli utenti. Queste informazioni vengono acquisite e sono soggette a continui calcoli per determinare cosa pensa che si voglia vedere dopo. Tutto è personalizzato e il team building di questo algoritmo continua a fare ricerche per capire meglio cosa significano veramente le azioni degli utenti.

“Progettare un sistema di classificazione personalizzato per oltre 2 miliardi di persone (tutte con interessi diversi) e una pletora di contenuti tra cui scegliere presenta sfide significative e complesse. Questo è qualcosa che affrontiamo ogni giorno con il ranking di News Feed”.

Ma cosa significa dal punto di vista del marketing? Imparare come funziona l’algoritmo aiuterà a strategizzare meglio. Non ci sono trucchi per ingannare il sistema, ma l’algoritmo è progettato per determinare il valore dei contenuti. Facebook constata questo valore imparando cosa piace e cosa non piace alle persone attraverso le loro interazioni con i contenuti. Ciò significa che c’è solo un vero modo per portare i propri contenuti di fronte a un più ampio pubblico su Facebook (e Instagram).

  1. Conosci il tuo pubblico e cosa apprezza: questo richiede tempo, ascolto, ricerca e un’attenta analisi del tuo pubblico.
  2. Offri quel valore: una volta capito veramente cosa vuole il tuo pubblico, è il momento di fornire loro contenuti accattivanti e di alta qualità.

Ma ecco il video in questione, che chiarisce il discorso legato a come funziona la news feed di Facebook:

In parole povere, il sistema determina quali post vengono visualizzati nel feed di notizie e in quale ordine, prevedendo ciò che è più probabile che interessi. Queste previsioni si basano su una serie di fattori, inclusi cosa e chi si ha seguito, apprezzato o con cui si ha interagito di recente. Per capire come funziona in pratica, Facebook propone a esempio Juan, un fittizio utente del social.

Dall’accesso di Juan di ieri, il suo amico Wei ha pubblicato una foto del suo cocker spaniel. Un’altra amica, Saanvi, ha pubblicato un video della sua corsa mattutina. La sua pagina preferita ha pubblicato un interessante articolo sul modo migliore per vedere la Via Lattea di notte, mentre il suo gruppo di cucina preferito ha pubblicato quattro nuove ricette con lievito naturale. È probabile che tutto questo contenuto sia pertinente o interessante per Juan perché ha scelto di seguire le persone o le pagine che lo condividono.

I modelli di apprendimento automatico prevedono quindi la probabilità che Juan interagirà con tutto questo contenuto. Il sistema di classificazione raccoglie innanzitutto i post dei candidati per ciascun utente, inclusi quelli condivisi dai suoi amici, gruppi o pagine dall’ultimo accesso. Quindi assegna a ogni post un punteggio in base a una varietà di fattori, come chi ha condiviso il contenuto e come si abbina a ciò con cui l’utente interagisce generalmente. Successivamente, si restringe la rosa di candidati, per consentire alle reti neurali più potenti di assegnare a ciascun post rimanente un punteggio che determina l’ordine in cui si posizioneranno.

Infine, il sistema aggiunge funzionalità contestuali come le regole di diversità per garantire che il feed di notizie abbia una varietà di contenuti. L’intero processo è completo nel tempo necessario per aprire l’app di Facebook.

PCProfessionale © riproduzione riservata.