disney plus abbonamento pubblicità aumento prezzi

News

Quanto costa l’abbonamento con pubblicità su Disney Plus

Team PC | 7 Novembre 2022

I nuovi abbonamenti

Dopo Netflix, anche Disney Plus avrà il suo abbonamento con la pubblicità.

A partire dal 3 novembre Netflix ha reso disponibile per i suoi abbonati italiani il piano Base con pubblicità a soli 5,49 euro al mese. A quanto pare, anche Disney Plus seguirà le sue orme inserendo però la pubblicità nel piano base già offerto ai suoi clienti e offrendo così un nuovo abbonamento a chi non vorrà vedere gli annunci pubblicitari durante la visione dei contenuti.

La piattaforma streaming di topolino dall’8 dicembre negli Stati Uniti aumenterà i suoi prezzi e inserirà la pubblicità nel piano base. Ancora non ci è dato sapere con esattezza quanti spot saranno inseriti all’interno del film o della serie che stiamo guardando né tantomeno quanto durerà ogni singolo spot. La cosa certa è che questi annunci verranno mostrati all’inizio del video e durante la riproduzione.

Come riportato da Repubblica, lo stesso servizio streaming specifica attraverso la pagina di FAQ che la riproduzione degli annunci può essere anche velocizzata. Inoltre, gli spot non verranno mostrati nei contenuti utilizzati dai profili per bambini, nei contenuti Disney Junior e in quelli destinati agli under 7.

Quanto costa l’abbonamento con pubblicità e senza

Ma quanto costa l’abbonamento con pubblicità di Disney Plus e quanto quello senza annunci pubblicitari?

Chi usufruisce dell’offerta base e non vuole cedere all’aumento dei prezzi, continuerà a pagare 7,99 dollari al mese. Qui, nei suoi contenuti saranno appunto aggiunti gli annunci pubblicitari.

Verrà reso disponibile l’abbonamento Premium al prezzo di 10,99 dollari al mese o di 109,99 dollari all’anno. Attraverso quest’ultimo nuovo piano si potranno guardare i contenuti senza alcuna pubblicità e si potrà effettuare il download.

Come accennato in precedenza, i nuovi prezzi entreranno in vigore a partire dall’8 dicembre negli Stati Uniti per i nuovi abbonati. Chi è già cliente Disney Plus, invece, avrà tempo di decidere che piano scegliere fino alla prima data di fatturazione a partire dall’8 dicembre.

Per quanto riguarda l’Italia, invece, al momento il piano rimane invariato. Restiamo in attesa di scoprire ulteriori novità al riguardo.

Su WhatsApp arrivano gli avatar: ecco che funzioni avranno

News

Su WhatsApp arrivano gli avatar: ecco che funzioni avranno

Andrea Sanna | 7 Dicembre 2022

WhatsApp

Finalmente anche su WhatsApp arrivano gli avatar. Questi avranno delle precise funzione all’interno dell’applicazione

Gli avatar su WhatsApp

Nei mesi scorsi si è parlato della possibilità di vedere gli avatar su WhatsApp. Quanto detto è diventato realtà. In uno degli ultimi aggiornamenti beta l’app di messaggistica ha introdotto in via ufficiale questa funzione. A partire da oggi pian piano tutti gli utenti potranno usufruirne. È necessario aggiornare la piattaforma o comunque attendere poiché il rilascio potrebbe arrivare a scaglioni con attivazione da remoto.

A informare di ciò è il sito stesso di WhatsApp che, in una nota, conferma la notizia e sostiene come gli avatar siano “un modo nuovo e personalizzato per esprimersi”. Ma quali funzioni avranno? Partiamo con il dire che potranno essere utilizzati per l’invio di messaggi e non solo. Ecco quanto si apprende a riguardo:

“Il tuo avatar è una versione digitale di te che può essere creata da miliardi di combinazioni di acconciature, tratti del viso e outfit. Ora su WhatsApp puoi usare il tuo avatar come immagine del profilo o scegliere uno dei 36 adesivi personalizzati che rappresentano diverse azioni ed emozioni”.

Ecco gli avatar - foto sito ufficiale di WhatsApp
Ecco gli avatar – foto sito ufficiale di WhatsApp

Un modo come un altro, quindi, per poter esprimere il proprio stato d’animo con gli altri utenti con cui ci si trova a conversare. Inviare un avatar su WhatsApp è davvero molto semplice. Ma non solo, come leggiamo, infatti, si potrà utilizzare anche come immagine di profilo nel caso in cui si voglia salvaguardare la propria privacy.

WhatsApp fa sapere anche che questa “esperienza” verrà via via migliorata stilisticamente. E tra queste caratteristiche si terrà conto di “luci, ombreggiature, texture per capelli e altro ancora che nel tempo renderanno gli avatar sempre più realistici”.

Da oggi quindi gli avatar sono disponibili per gli utenti di WhatsApp di tutto il mondo. Siete pronti a creare il vostro? Qui di seguito altre news sull’app di messaggistica…

Netflix introduce Serie A e sport in diretta? Risponde il CEO

News

Netflix introduce Serie A e sport in diretta? Risponde il CEO

Andrea Sanna | 7 Dicembre 2022

netflix

È emersa una curiosa indiscrezione che riguarda l’introduzione su Netflix di Serie A e sport in diretta. Il CEO risponde e svela come stanno le cose

Su Netflix sport e Serie A in diretta?

Netflix nel suo catalogo contiene una varietà di prodotti dai più disparati. Ma se dovesse arrivare anche lo sport e la Serie A, potrebbe esserci la vera svolta per la piattaforma?

Da diverso tempo ormai si parla della possibilità di acquisire alcuni contenuti sportivi dal vivo da parte di Netflix. Anche di recente è balzato questo rumor sui vari giornali, ma a oggi non c’è nulla di confermato. Si è ipotizzato, tra l’altro, che la piattaforma potesse addirittura trasmettere in diretta la Serie A, ma è arrivata una precisazione da parte della stessa società.

Il co-CEO e chief content officer di Netflix Ted Sarandos ha parlato con gli investitori e messo a tacere le varie indiscrezioni emerse. Ora come ora, stando alle parole riportate su AdAge non ci sarebbe nulla di vero. Ma leggiamo le seguenti dichiarazioni: I modelli economici che sono costruiti attorno agli sport in diretta si basano sul mercato della televisione a pagamento, che è diversa dallo streaming, ha subito precisato il co-CEO.

Ted Sarandos di Netflix ha fatto sapere ancora che non sono di certo contro lo sport, bensì a favore del profitti. In questo preciso momento poi, dopo i vari studi effettuati dalla piattaforma, “non hanno evidenziato un percorso di profitto con la trasmissione degli sport in diretta”. Tutto è legato però anche ai vari costi (elevati) per poterne guadagnare i diritti televisivi.

Netflix quindi sta virando su contenuti totalmente differenti. Da serie TV, a film e documentari. Tra essi, però, non sembra rientrare la Serie A o lo sport trasmesso live. Vedremo se in futuro Netflix deciderà di seguire le orme di Amazon Prime Video che ha acquisito i diritti e manda in onda, tra le tante cose, la Champions League in diretta. Ci sarà la svolta anche per la società fondata da Reed Hastings e Marc Randolph?

mr beast primo youtuber miliardario

News

MrBeast diventerà il primo YouTuber miliardario?

Martina Pedretti | 7 Dicembre 2022

YouTube

Perché sembra che MrBeast diventerà il primo YouTuber miliardario? Vendendo una quota della sua azienda potrebbe presto esserlo

Perché si dice che MrBeast diventerà il primo YouTuber miliardario

Chi bazzica YouTube sicuramente conoscerà lo YouTuber MrBeast, che sembra essere destinato a diventare il primo creator miliardario della piattaforma.

Jimmy Donaldson, di 24 anni dal viso dolce, è un vero e proprio intrattenitore, con i suoi video dove mostra sfide incredibili. MrBeast realizza dei veri e propri mondi per i suoi iscritti, che possono partecipare a giochi mozzafiato e vincere ingenti somme di denaro.

La sua popolarità ha iniziato a salire vertiginosamente quando ha deciso di ricreare nella vita reale degli Squid Game, ispirandosi alla serie Netflix.

Di recente ha fatto un video per promuovere Feastables, il marchio di barrette che ha lanciato lo scorso inverno. Ha invitato dieci fan che hanno trovato “biglietti d’oro” nelle sue MrBeast Bar in un magazzino nella Carolina del Nord. Lì hanno trovato una finta fabbrica di cioccolato con enormi orsetti gommosi appesi ai rami degli alberi in una foresta di lecca-lecca e, proprio come nel film, un vero fiume di cioccolato. In una stanza rivestita di marshmallow rimbalzanti, i concorrenti dovevano stare in piedi su mentine rotanti. Il vincitore si è portato a casa 500.000 dollari, una nuova auto e un piccolo pezzo di fama.

I suoi video sono divertenti, adatti a tutte le età e raggiungono centinaia di milioni di visualizzazioni. MrBeast ha guadagnato 54 milioni di dollari l’anno scorso, inclusi 32 milioni dagli annunci sui suoi oltre dodici canali e 9 dai contenuti sponsorizzati. Ha oltre 110 milioni di iscritti, e il quinto più grande canale YouTube al mondo. Inoltre possiede una catena di fast food chiamata MrBeast Burger, e la sua Feastables.

I suoi guadagni, già i più alti di qualsiasi creatore di social media, sono destinati a raddoppiare nel 2022 fino a 110 milioni. Neanche lontanamente vicina al miliardo. E allora perché si ipotizza che diventerà il primo YouTuber miliardario?

Donaldson è l’unico proprietario del suo studio ma sta cercando di vendere una piccola quota. Il solo 10% potrebbe arrivare a costare 150 milioni dollari. Un accordo così ricco valuterebbe lo studio a 1,5 miliardi, rendendo Donaldson il primo YouTuber miliardario al mondo, dato che la sua quota del 90% varrebbe 1,4 miliardi.

I video di MrBeast con montepremi costosi, isole, jet privati e auto di lusso non gli permettono di avere grossi margini di guadagno. Per questo sta pensando di spingersi oltre.

Al momento Forbes stima che MrBeast valga già circa 500 milioni di dollari. Il suo prossimo passo è quindi quello di trovare degli investitori che possano acquistare una parte della sua azienda e scommettere sui suoi contenuti.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.