Facebook crea una lista nera di utenti che minacciano il social network

2La lista nera di Facebook

Potrebbe sembrare una puntata di Black Mirror ma invece è la realtà. La lista si chiama BOLO (Be On the Lookout) ed è nata nel 2008 in seguito ad alcune minacce a Facebook. Aggiornata di settimana in settimana, la lista comprende centinaia di persone, classificate per nome, posizione, fotografia e descrizione del perché è sulla BOLO.

Facebook notifica i professionisti della sicurezza ogni volta che una nuova persona si aggiunge alla lista BOLO. Per far sì che tutto funzioni, il team stila una relazione che include tutte le informazioni sulla persona, compresi i suoi spostamenti. Tutto questo è possibile grazie all’indirizzo IP del computer o i dati di localizzazione raccolti dall’applicazione di Facebook sullo smartphone.

Alcuni degli impiegati sostengono che queste misure di sicurezza così drastiche siano giustificabili vista la portata che il social media ha raggiunto. Infatti al momento Facebook ha più di 2.7 miliardi di utenti in tutto il mondo e su diverse piattaforme. Il che significa che se anche solo lo 0.01% degli utenti fa una minaccia, Facebook deve vedersela con oltre 270,000 potenziali rischi alla sicurezza.

Ma come si finisce sulla lista nera?

Nessun Articolo da visualizzare