Firefox Reality

Firefox Reality, il primo browser per la Web-realtà virtuale

Mozilla ha distribuito la prima versione del suo browser per la realtà virtuale formato Web, un tool che permette di navigare in Rete con un caschetto virtuale e tutte le sgraziate movenze tipiche delle esperienze in VR.

Il team di sviluppatori Mozilla impegnati sulle piattaforme in realtà mista (AR/VR) ha rilasciato la prima versione di Firefox Reality, un browser pensato e realizzato con l’obiettivo di permettere l’accesso al Web dai caschetti per le esperienze in virtualità. Una base su cui costruire il futuro, augurabilmente con l’aiuto dei creatori di contenuti e dei programmatori di terze parti.

Firefox Reality è primo browser specificatamente pensato per i caschetti AR/VR, ha spiegato Mozilla sul blog corporate, un sistema di accesso alla Rete per cui gli sviluppatori hanno dovuto “ripensare tutto” adattando alla VR navigazione, input testuali, ambienti, ricerca e qualsiasi altra funzionalità tipica di un browser in due dimensioni.

Il risultato finale è “un browser costruito per servire il suo medium”, sostiene ancora la corporation americana, un software che permette agli utenti appassionati di virtualità di visitare sia i siti 2D che quelli in 3D, accedere ai contenuti esclusivi per Firefox Reality, fare ricerche tramite i controller manuali o il riconoscimento vocale. Una caratteristica particolarmente importante, quest’ultima, visto che le esperienze in VR sono tradizionalmente le meno adatte a inserire del testo in un ambiente virtuale.

Firefox Reality è ovviamente basato sulla tecnologia Quantum, il progetto avviato da Mozilla per svecchiare il codice di Firefox e prepararlo alle sfide tecnologiche del futuro; diversamente dalle app proprietarie per i singoli ecosistemi, il nuovo browser offre poi un’esperienza VR multi-piattaforma attualmente accessibile dai proprietari di caschetti Viveport, Oculus e Android Daydream.

Mozilla ha descritto la release 1.0 del suo browser VR come un primo passo a cui presto ne seguiranno altri, con nuove funzionalità già in cantiere come il supporto ai preferiti, i video a 360 gradi, gli account e altro ancora. La fondazione dice infine di volersi “connettere” ai creatori di contenuti immersivi, sia che si tratti di tecnologia WebVR o meno, per una chiacchierata sulle esperienze esclusive da aggiungere a Firefox Reality.

Nessun Articolo da visualizzare