Fortnite

Fortnite torna su iOS con l’aiuto di NVIDIA?

Secondo la BBC, Fortnite potrebbe ritornare su iPhone e iPad tramite una versione per Safari di GeForce Now, il servizio di cloud gaming offerto da NVIDIA.

Epic Games dovrà attendere l’esito del processo che inizierà a maggio 2021 per sapere se le sue richieste verranno accettate. Fino ad allora Fortnite non tornerà sullo store di Apple. Ma secondo un report della BBC potrebbe esserci un’alternativa. Il popolare gioco verrebbe distribuito tramite GeForce Now, il servizio di cloud gaming sviluppato da NVIDIA.

Come è noto, Apple ha rimosso Fortnite da App Store, in quanto Epic ha introdotto un sistema di pagamento diretto che viola le regole dello store. La software house guidata da Tim Sweeney non vuole versare la commissione del 30% per ogni acquisto in-app, accusando Apple di monopolio nella distribuzione delle app e nei sistemi di pagamento per iOS.

Secondo la BBC, NVIDIA avrebbe sviluppato una versione di GeForce Now che funziona all’interno di Safari. Ciò permetterebbe quindi di eseguire Fortnite su iPhone e iPad, rispettando le linee guida di App Store. La stessa Apple suggerisce infatti di utilizzare un browser per accedere ai servizi di cloud gaming. È invece proibito l’uso di un’app dedicata perché l’azienda di Cupertino vuole verificare ogni singolo gioco offerto dalle piattaforme.

GeForce Now è attualmente compatibile con Windows, macOS, Android, Chromebook e Shield TV. L’annuncio delle versione iOS è previsto entro fine anno. Il servizio offerto da NVIDIA è disponibile gratuitamente (ma solo per sessioni di un’ora) o tramite abbonamento (5,49 euro/mese).

L’uso del cloud streaming non è certamente ottimale, in quanto il gameplay potrebbe essere influenzato dalla latenza, ma al momento sembra l’unica soluzione possibile per riportare Fortnite sui dispositivi Apple. Un simile “workaround” verrebbe sfruttato anche da Microsoft per il suo Project xCloud.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.