funzioni di Google Documenti

News

Le funzioni di Google Documenti che forse non conoscevi

Simone Carbone | 4 Ottobre 2018

Google

Le funzioni di Google Documenti che forse non sapevi esistessero LE FUNZIONI DI GOOGLE DOCUMENTI CHE FORSE NON CONOSCI – Negli […]

Le funzioni di Google Documenti che forse non sapevi esistessero

LE FUNZIONI DI GOOGLE DOCUMENTI CHE FORSE NON CONOSCI – Negli ultimi tempi, Google ha voluto dedicarsi all’incremento dei servizi per i suoi utenti, per garantire un’esperienza che fosse il più completa possibile. Una delle aggiunte più straordinarie è stata la suite Google, che mette a disposizione gratuitamente ben quattro software per la realizzazione di diversi tipi di documenti.

Il più noto e forse utilizzato è senza dubbio Google Documenti, la versione alternativa a Microsoft Word della compagnia di Mountain View. Il software contiene davvero tantissime caratteristiche importanti e utili alla stesura dei documenti. Ecco quelle che forse non sapevi esistessero!

Nuovi font per i tuoi documenti

Le funzioni di Google Documenti: nuovi font

Le funzioni di Google Documenti: nuovi font

Grazie alla sincronizzazione con i diversi servizi di Google, è possibile aggiungere nuovi font al tuo documento. Per aggiungerli, ti basterà cliccare nella barra dei font e selezionare Altri font. Qui avrete a disposizione tutta la libreria di Google Fonts e potrete scegliere numerosi caratteri per il vostro documento.

Potrete ricercare i font per popolarità, scoprendo quali sono quelli più utilizzati, e la tipologia, scegliendo tra

  • Decorativi;
  • Calligrafici;
  • Monospace;
  • Serif;
  • Sans-Serif

Template preimpostati per i tuoi documenti

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: i template

Stai cercando un modo veloce e rapido per strutturare il tuo curriculum? Vuoi realizzare una brochure? Devi sintetizzare i tuoi appunti e vuoi farlo in modo creativo? Niente di più facile con Google Documenti! Il software mette a disposizione diversi template predefiniti tra cui scegliere.

Per scegliere i template dovete arrivare alla schermata principale di Google Documenti, che potete raggiungere cliccando sull’icona del file blu che trovate in alto a sinistra. Da qui troverete una prima barra scura con al suo interno diversi template: è la Galleria Modelli, che metterà a vostra disposizione tantissimi documenti già preimpostati, pronti da modificare!

La tabella dei contenuti

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: la struttura

Una delle funzionalità più utili è stata di recente aggiunta su Office WordGoogle non ha perso tempo. La funzione vi consentirà di avere una finestra nella parte sinistra dello schermo, con tutti i titoli dei paragrafi del vostro documento. Grazie a questa potrete navigare velocemente nel vostro file, soprattutto se questo è particolarmente lungo.

Per visualizzare la Struttura del documento vi basterà andare su Visualizza e poi scegliere la voce Mostra struttura documento. La finestra apparirà “magicamente” sulla sinistra!

L’intestazione

Le funzioni di Google Documenti: intestazioni

Con Google Documenti è possibile specificare un’intestazione per i vostri documenti, che si replicherà in tutte le vostre pagine. Per modificare questa parte del vostro file vi sarà sufficiente cliccare sulla parte alta dello schermo, aggiungere i vostri contenuti e poi tornare a modificare il vostro documento. In alternativa potete scegliere INSERISCIINTESTAZIONE E PIÈ DI PAGINA per poi scegliere INTESTAZIONE.

Potrete scegliere anche di specificare un’intestazione differente per la prima pagina e far in modo che tutte le altre abbiano la medesima, semplicemente spuntando la casella INTESTAZIONE/PIÈ DI PAGINA DIVERSO NELLA PRIMA PAGINA.

Rimuovere la formattazione

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: la formattazione

Quante volte vi è capitato di dover copiare del testo e vedere che, quando lo incollate, il carattere è completamente diverso da quello che avevate scelto? O che il vostro nuovo testo non rispetta in alcun modo le specifiche di allineamento che avevate preimpostato?

Niente paura, c’è modo di risolvere! Vi basterà selezionare il vostro testo e cliccare sull’icona della T sbarrata, altrimenti detta CANCELLA FORMATTAZIONE. Il testo incollato tornerà esattamente come il resto del contenuto del vostro documento. In alternativa potete andare su FORMATO e selezionare CANCELLA FORMATTAZIONE.

Dizionario ed esplorazione

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: dizionari ed esplora

Due funzioni estremamente interessanti sono il dizionario e la funzione esplora. Entrambe possono tornare utili sia nella stesura che nella revisione dei documenti. Per utilizzarle vi basterà selezionare il termine di interesse e cliccare con il tasto destro su di esso. Vi si aprirà il classico menu con le varie funzionalità e al centro troverete EsploraDefinisci.

La prima vi consente di vedere a colpo d’occhio i primi risultati di una ricerca Google con la parola cercata mentre la seconda vi aprirà una finestra dizionario nel quale cercare il significato della vostra parola. Un consiglio: per il momento il dizionario italiano sembra non gestire le forme flesse, quindi in alternativa cercate il termine al singolare direttamente nella finestra.

Modalità suggerimento

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: modalità suggerimento

Estremamente utile nella revisione dei file, la modalità suggerimento vi consente di modificare il testo senza eliminare la forma originale, ma aggiungendo le vostre modifiche e revisioni in modo tale che l’autore possa effettivamente vedere quali esse siano ed eventualmente i vostri commenti.

Per attivare questa modalità, cliccate sull’icona della matita in alto a destra e scegliete SUGGERIMENTO. Da quel momento le vostre modifiche saranno segnalate da un colore assegnatovi e nella parte destra dello schermo appariranno dei commenti con le vostre modifiche.

Per accettare un commento e finalizzare la modifica, vi basterà cliccare sul tick ✔ mentre per rifiutarlo sulla x. Nel primo caso, il testo originale verrà sostituito dalla revisione, nel secondo rimarrà intatto.

Trova e sostituisci

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: trova e sostituisci

Cosa succede quando vi accorgete, alla fine di un documento, di aver scritto il nome di un autore in modo errato o di aver sbagliato a scrivere il nome di una città come Reykjavik? Potete rileggere tutto il documento nella speranza di non mancare neanche uno degli errori oppure utilizzare la funzione Trova e sostituisci.

Inserendo la parola o la frase che state cercando potrete rintracciarla ovunque nel documento e sostituirla con la vostra correzione o con altro testo che fa al caso vostro. Per attivare questa funzione andate su MODIFICA e selezionate TROVA E SOSTITUISCI. Vi troverete di fronte a una maschera con i due campi di testo – uno per la ricerca e l’altro per la sostituzione – e due caselle spuntabili.

La prima, Maiuscole/minuscole, vi consentirà di ricercare la parola esattamente com’è scritta, rispettando maiuscole e minuscole. Questo significa che se cercherete “maria“, non vi verranno evidenziate quelle parole scritte con la lettera maiuscola iniziale, “Maria“.

La seconda vi permette di effettuare una ricerca più specifica, a seconda delle cosiddette espressioni regolari. Si tratta di particolari costrutti che utilizzano una sorta di pattern. L’esempio più classico è quello di un indirizzo email. Esso è sempre formato da:

  • Una serie di caratteri alfanumerici;
  • Il segno “@”;
  • Una seconda serie di caratteri alfanumerici;
  • Il punto;
  • Una terza serie di caratteri alfanumerici.

Per ricercare questo tipo di espressioni esiste una codifica particolare: potrete trovare tutta la spiegazione alla voce Regular Expressions della guida di Google Documenti.

Cronologia delle revisioni

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: revisioni

Se ancora una volta vi ritrovate a dover rivedere un testo e a modificarlo, potreste aver bisogno di ritornare a una versione precedente del vostro file. Molto spesso questa è un’operazione impossibile ma non con Google Docs. Per farlo, infatti, sarà sufficiente andare su FILE e cliccare su CRONOLOGIA VERSIONI. Nel menu sottostante, troverete la voce Vedi la cronologia delle versioni.

Nella finestra che vi si presenta, vedrete tutte le volte che avete rivisto il documento e cliccando su ogni singola voce potrete rivedere quella versione del vostro documento con le relative modifiche evidenziate.

Dettatura

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: dettatura

Una interessantissima funzione di Google Docs è la dettatura. Grazie alle tecnologie dedicate al mobile, infatti, Google ha potuto migliorare le sue funzionalità di riconoscimento vocale e ha aggiunto la possibilità di dettare il testo, che verrà poi trascritto nel vostro documento. Naturalmente è obbligatoria una revisione poiché il riconoscimento vocale non è infallibile.

Scorciatoie personalizzate

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: scorciatoie

Se state stilando un testo che riguarda un particolare argomento o che prevede alcune parole ripetute, come il nome di un autore o di un personaggio di spicco della categoria, le scorciatoie personalizzate vi torneranno molto utili. Si tratta di particolari combinazioni che vengono evidenziate da Google Documenti e ricondotti a uno o più termini che avete specificato in precedenza. Per accedere a questa funzionalità andate su STRUMENTI e poi PREFERENZE.

Vi si aprirà una schermata che vi consentirà di aggiungere le vostre scorciatoie preferenziali, che verranno corrette e sostituite con il termine presente alla destra della sigla.

Modifica delle immagini

Le funzioni di Google Documenti: immagini

Come ogni software di videoscrittura, anche Google Documenti permette di inserire le immagini all’interno del testo. GDocs viene in soccorso anche a chi deve modificare una particolare immagine, consentendo di tagliarla, aggiungere dei bordi e tanto altro.

Accenti e simboli

Le funzioni di Google Documenti:

Le funzioni di Google Documenti: accenti e simboli

Vi trovate a scrivere un testo in una lingua che non è l’italiano e avete bisogno di particolari simboli e segni grafici? Niente paura! Google Docs mette a disposizione un add-on che fa al caso vostro. Andate su COMPONENTI AGGIUNTIVI e poi su INSTALLA COMPONENTI AGGIUNTIVI. Nella finestra che vi si apre cercate “Easy Accents” e clicchiamo su GRATIS. Una volta installato, cliccate su Componenti aggiuntivi e su Easy Accents. Una finestra si aprirà sulla destra del vostro documento e dopo aver scelto la lingua avrete a disposizione tutti i vostri simboli grafici necessari.

Potrebbe interessarti anche

Tradurre i vostri documenti? Si può!

Come tradurre i documenti on-line con DeepL

Documenti nel cloud

Documenti nel Cloud

Mini cup google come attivare

HowTo

Come attivare Mini Cup: il minigioco dei Mondiali su Google

Martina Pedretti | 22 Novembre 2022

Easter Egg Google

Su Google arriva l’easter egg del minigioco dei Mondiali, Mini Cup: come attivarlo e come giocare da smartphone

Su Google arriva l’easter egg Mini Cup, il minigioco dei Mondiali

Su Google è arrivato Mini Cup, un minigioco nascosto tra la homepage di Google per celebrare l’inizio dei Mondiali. Infatti gli utenti potranno sbloccarlo e giocarci veramente, sfruttando la classica metodologia per attivare gli easter egg del motore di ricerca.

Come sbloccare Mini Cup su Google

Mini Cup
Mini Cup

Per attivare l’easter egg di Google vi basterà scrivere la parola Qatar 2022 nella barra di ricerca del browser. Così facendo sullo schermo apparirà un’icona di un pallone bianco su sfondo blu, in basso a destra dei risultati, che sarà da cliccare. Questo easter egg di Google funziona solo da smartphone, non da browser. Lo si può attivare anche digitando MondialiWorld CupCoppa del mondo.

Dopo aver cliccato l’icona si sbloccherà Mini Cup: i giocatori potranno scegliere una delle partite in programma e sfidare il portiere avversario, CPU, a una serie di calci di rigore. Questo gioco nasce per battere il proprio record e segnare quanti più rigori di fila senza sbagliare.

Negli anni Google ci ha regalato tanti easter egg simili, a tema MarvelFriendsIl mago di Oz e più recentemente per la sonda DART, o quello di Velma e ancora quello di House of the Dragon.

Recuperare una password salvata su Google Chrome

HowTo | Software

Come recuperare le password salvate su Google Chrome

Martina Pedretti | 8 Gennaio 2021

Google

Recuperare una password salvata su Google Chrome si può? Ecco come fare su Mac e Windows Uno dei problemi maggiori […]

Recuperare una password salvata su Google Chrome si può? Ecco come fare su Mac e Windows

Uno dei problemi maggiori dei tempi tecnologici che viviamo è scegliere una password che sia in grado di proteggerciLe password, infatti, proteggono i dati più sensibili che abbiamo online, dai contenuti dei nostri profili social a email e operazioni bancarie. Può capitare di non ricordare la password che abbiamo scelto per un determinato servizio ma i moderni browser offrono la possibilità di salvare le password. Ma come fare a recuperare una password salvata su Google Chrome?

In realtà la procedura è piuttosto semplice ma naturalmente occorre sapere dove andare a cercare. C’è da ricordare, tuttavia, che se avete cambiato la password in questione e avete deciso di non procedere all’upload del contenuto nel vostro broswer, potreste non essere in grado di riavere la vostra parola chiave.

Leggi anche Come fare parentesi graffe e quadre su Windows e Mac

Recuperare una password salvata su Google Chrome su Windows e Mac

Recuperare una password salvata su Google Chrome

Recuperare una password salvata su Google Chrome: le impostazioni

Se avete scelto il browser di casa Google, recuperare la vostra password sarà molto semplice, sia con Windows che con Mac. Iniziate, naturalmente, aprendo il vostro browser. Una volta che questa vi sarà aperta, andate nella parte superiore dello schermo. Sul lato destro troverete un’icona formata da tre punti posti in verticale.

In basso troverete la voce IMPOSTAZIONI. Cliccateci su e vi comparirà una prima schermata con tutto l’impianto per le personalizzazioni di Google Chrome. In alternativa, potete digitare nella barra degli indirizzi chrome://settings e dare “Invio”.

Ricerca e schermata “Password”

Recuperare una password salvata su Google Chrome

Nel campo di ricerca superiore digitate il termine PASSWORD. Questa impostazione è estremamente utile per procedere alla ricerca di una particolare funzione all’interno di Chrome. La ricerca, infatti, permette di evidenziare tutti i campi che contengono la parola di ricerca.

In questo caso, dunque, verranno evidenziati tutti i campi in cui compare la parola “password“. Scegliete il campo “PASSWORD” tra quelli evidenziati. Nella finestra che vi si apre avrete diverse opzioni. Innanzitutto vi comparirà “Chiedi di salvare la password“. Se questa impostazione è attiva, al di sotto di essa troverete tutte le vostre parole chiave associate al sito e all’indirizzo in cui le avete utilizzate.

Recuperare una password salvata su Google Chrome: come visualizzare le password

Recuperare una password salvata su Google Chrome

Recuperare una password salvata su Google Chrome: vedere le password

Anche in questo caso avrete la possibilità di fare una ricerca per sito per rintracciare facilmente la password di cui avete bisogno. Potete cercare compilando il campo in alto a destra. Una volta selezionata la voce di cui avete bisogno, potete richiedere a Google Chrome di mostrarvi la password in chiaro cliccando sull’icona dell’occhio che trovate sul lato destro della corrispondenza.

Per evitare il furto delle parole chiave, Google Chrome vi chiederà di inserire la password o PIN di accesso al vostro PC o Mac. In caso di password errata o non inserita, non sarà possibile visualizzare le vostre parole di sicurezza.

Se la password è corretta, invece, avrete accesso alla vostra password salvata su Google Chrome.

Google Cloud Print

Servizi

Google Cloud Print, addio dal 1 gennaio 2021

Luca Colantuoni | 30 Dicembre 2020

Cloud Google Stampa

Il servizio Google Cloud Print cesserà di funzionare dal 1 gennaio 2021, quindi gli utenti devono scegliere un’alternativa per la stampa dei documenti.

Come anticipato un anno fa, Google Cloud Print non sarà più supportato dal 1 gennaio 2021. Il servizio per la stampa cloud introdotto nel 2010 si aggiungerà dunque ai numerosi prodotti presenti nel “cimitero digitale” dell’azienda di Mountain View, dove riposa anche Google Play Music, recentemente sostituito da YouTube Music. Google suggerisce alcune soluzioni alternative.

Google Cloud Print era stato sviluppato circa dieci anni fa per offrire la funzionalità di stampa agli utenti che usavano Chrome OS. All’epoca il sistema operativo non supportava le stampanti locali, quindi i documenti dovevano essere inviati ai server di Google. Le stampanti senza scheda di rete potevano accedere ad Internet tramite computer al quale era collegata e sul quale era installato Chrome.

Il servizio è stato successivamente migliorato per supportare ogni sistema operativo, quindi anche Windows, macOS, Linux e Android. A partire dal 2017 è disponibile il supporto nativo per la stampa in Chrome OS, pertanto Cloud Print è diventato obsoleto. Per questo motivo Google ha deciso di interrompere il supporto dal 1 gennaio 2021.

L’azienda di Mountain View suggerisce alle aziende di utilizzare CUPS (Common Unix Printing System) per la stampa con Chrome OS. Nelle pagine di supporto ci sono le istruzioni da seguire per la configurazione del server di stampa e le funzionalità disponibili.

Google comunica inoltre che l’opzione “Salva in Drive” di Chrome verrà rimossa dal 1 gennaio 2021 su Windows, macOS e Linux. I documenti potranno essere salvati in formato PDF su Google Drive dall’anteprima di stampa, ma occorre installare Backup e sincronizzazione o Drive File Stream.

Login

Password dimenticata?

Password dimenticata?

Inserisci i tuoi dati dell'account e ti invieremo un link per reimpostare la tua password.

Il link di reset della password sembra che sia invalido o scaduto.

Login

Privacy Policy

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.