MediaTek Helio G95

MediaTek Helio G95, chip per gaming phone 4G

Il nuovo MediaTek Helio G95 è il modello più potente della serie dedicata ai gaming phone di fascia media che include altri sette processori per ogni fascia di prezzo.

Quasi contemporaneamente all’annuncio di Qualcomm, la rivale taiwanese ha svelato il nuovo SoC indirizzato ai gaming phone 4G. Il MediaTek Helio G95 è ora il processore più potente della serie che comprende altri sette modelli per ogni fascia di prezzo. I primi due smartphone con questo chip potrebbero essere i Realme 7 e Realme 7 Pro che dovrebbero debuttare il 3 settembre.

In termini di specifiche, il MediaTek Helio G95 è praticamente identico al MediaTek Helio G90T. L’unica differenza è rappresentata dalla frequenza maggiore della GPU ARM Mali-G76 MC4, passata da 800 a 900 MHz. Il SoC integra ancora una CPU octa core con due Cortex-A76 a 2,05 GHz e sei Cortex A-55 a 2 GHz, secondo il tradizionale approccio big.LITTLE che permette di sfruttare i core più adatti in base al potenza di calcolo richiesta (multiprocessing eterogeneo).

Il processore di immagine (ISP) può gestire fino a quattro fotocamere in configurazioni singola e dual. Il chip dedicato consente di utilizzare l’intelligenza artificiale per eseguire varie operazioni, tra cui il riconoscimento facciale. Il chip supporta memorie LPDDR4X-2133 fino a 10 GB, storage eMMC 5.1 e UFS 2.1, schermo con risoluzione fino a 2520×1080 pixel, connettività WiFi 802.11ac, Bluetooth 5.0 e LTE Cat. 12/13.

Tra le funzionalità più interessanti c’è la AI Super Resolution, grazie alla quale la risoluzione video durante l’uso delle app di streaming viene portata a 720p in tempo reale, senza incidere sulla larghezza di banda della rete. La tecnologia MediaTek HyperEngine viene invece sfruttata durante il gioco per gestire dinamicamente le risorse (CPU, GPU e RAM) e per passare da WiFi a LTE o viceversa senza nessuna interruzione.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.