ARM

ARM Mali GPU, aggiornamento driver da Google Play Store

I driver delle GPU ARM Mali, integrate nei SoC di Huawei, Samsung e MediaTek, potranno essere aggiornati tramite il Google Play Store.

ARM ha comunicato che i driver Android delle sue GPU Mali verranno aggiornati tramite il Google Play Store. Ciò consentirà di velocizzare la distribuzione degli update senza attendere il rilascio del firmware completo da parte del produttore. La stessa funzionalità è già disponibile per le GPU Adreno di Qualcomm.

Il Google Play Store è stato finora utilizzato solo per la distribuzione delle app. A partire da Android 10 viene anche sfruttato per l’aggiornamento di alcuni moduli del sistema operativo (Project Mainline). Dal negozio digitale è possibile anche scaricare i nuovi driver per le GPU Adreno di Qualcomm e prossimamente i driver per le GPU Mali di ARM. L’azienda inglese non ha specificato i modelli compatibili, ma nell’elenco ci sarà sicuramente la GPU Mali-G78 annunciata a fine maggio insieme alla CPU Cortex-A78.

Gli utenti non dovranno più attendere il rilascio del firmware completo che solitamente avviene una o due volte all’anno, ma riceveranno gli aggiornamenti per i driver con una maggiore frequenza tramite Google Play Store. Ciò permetterà di risolvere eventuali bug, incrementare le prestazioni grafiche e aggiungere nuove funzionalità alle API OpenGL o Vulkan. Le GPU ARM Mali sono integrate nei SoC Kirin di Huawei, Exynos di Samsung e Dimensity/Helio di MediaTek.

Le GPU Mali, inclusa la recente Mali-G77 presente nei Samsung Exynos 990 e MediaTek Dimensity 1000, offrono prestazioni inferiori alle controparti Adreno di Qualcomm. La possibilità di aggiornare i driver tramite lo store di Google potrebbe consentire ad ARM di ridurre il gap dalla concorrenza. ARM ha inoltre annunciato che le future GPU supporteranno il tool Android GPU Inspector che consente di ottimizzare i giochi sui dispositivi con GPU ARM Mali.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.