Avm Fritz!Box 3490: modem di qualità  tedesca

Uno dei cavalli di battaglia di Avm nella linea di modem/router wireless Fritz!Box è il 3490, completo e dotato di tutte le ultime tecnologie, che affianca il top di gamma 7490 presentandosi però con un prezzo più accessibile.

Innanzitutto una nota sull’estetica del prodotto, che a un primo impatto potrebbe sembrare troppo retrò e poco tecnologica. Avm da questo punto di vista si è sempre concentrata sul funzionamento, sull’ottimizzazione e sulla solidità  dei prodotti, modellando l’esterno più per queste esigenze che per soddisfare la vista. A conti fatti il prodotto risulta in ogni caso ben fatto, con materiali di ottima qualità  e con ogni dettaglio studiato alla perfezione.

Sul frontale smussato trovano spazio i led di stato, che indicano in maniera chiara tutte le funzioni basilari del prodotto. Troviamo infatti led per lo stato (acceso/spento), per la connessione Lan e Wi-Fi, per la connettività  di linea xDsl e un ultimo led che indica la presenza di informazioni per l’utente. Sulla sommità  spiccano le classiche protuberanze, che contengono due delle antenne del prodotto (sono quattro in totale), tutte interne e invisibili. Due i pulsanti presenti, entrambi dedicati a funzionalità  wireless: il primo permette di attivare il Wps, ovvero la connessione client con credenziali rapide, mentre il secondo comanda l’attivazione o la disattivazione totale di tutte le funzioni wireless.

Fritz!Box
Lato connessioni, Il 3490 è molto completo. Mancano solo le funzioni Dect e un pulsante
di accensione.

Sul lato sinistro è presente inoltre una porta Usb 3.0, che si affianca ad un’altra, identica, posta sul retro. Tramite queste due porte è possibile gestire una chiavetta 3G/4G per il backup della connessione, condividere dati da pendrive o hard disk tramite le funzionalità  Nas integrate oppure rendere disponibile una stampante a tutti i dispositivi connessi in rete.
[divider]
In vendita su Amazon.it
[asa PCPRO]B00Q2HYVJG[/asa]
Sul retro completano la dotazione quattro porte Ethernet di tipo Gigabit, e una particolare Rj-45 per la connessione telefonica. Come tutti i prodotti della linea Fritz, Avm utilizza infatti un adattatore da Rj-11 (classico doppino telefonico) a Rj-45 (sul modem), che permette di avere a disposizione un cavo di 4 metri (in dotazione) senza perdite di qualità  nel segnale.

Fritz-Box
Le capacità  di monitoraggio di Fritz!Os sono senza paragoni. In ogni momento si hanno sotto controllo velocità  di trasferimento dati, consumo elettrico, temperatura, numero e tipo di client connessi, qualità  della portante Adsl, affollamento dei canali radio e tanto altro ancora.

Sotto la scocca il piccolo modem router nasconde specifiche tecniche di tutto rispetto, soprattutto in rapporto alle dimensioni occupate e al prezzo d’acquisto. A pilotare nel complesso il Box è un chipset Lantiq PSB 80920 operante a 500 MHz, coadiuvato da un totale di 256 Mbyte di memoria Ram Ddr2 e da una piccola memoria Flash Nand Toshiba da 512 Mbyte. Il chipset, nonostante sulla carta non sia tra i più potenti del settore, risulta perfettamente ottimizzato per lo scopo, tanto da rendere sempre fluido e veloce il Fritz!Box, senza tentennamenti in nessun caso. Parte del merito va anche all’adozione di vari altri chip di controllo: uno per la parte Lan (un Atheros), un altro per la sezione Dsl (Lantiq PSB 80190) e altri due per le connessioni wireless, uno che gestisce la banda a 2,4 GHz e lo standard 802.11n e l’altro garantisce la compatibilità  con la banda a 5 GHz e lo standard più avanzato 802.11ac. Entrambe le soluzioni wireless adottano tecnologia Mimo 3×3, atta a garantire stabilità  nelle trasmissioni (anche multiple) e ridurre le interferenze. La tecnologia adottata porta ad ottenere delle bande di trasmissione massime di 1.300 Mbit/s per lo standard 802.11ac e 450 Mbit/s per il più datato 802.11n.

Continua a leggere: ➜ la prova di Fritz!Box 3490

PCProfessionale © riproduzione riservata.