Fibra ottica

Internet su fibra ottica, nuovo record di velocità da 178 Tbps

La Internet superveloce ha raggiunto l’ennesimo traguardo in fatto di velocità di trasferimento. Per arrivare a 178 terabit al secondo basterà installare qualche amplificatore.

178 Tbps, ovvero la velocità necessaria a scaricare l’intero catalogo di Netflix in un solo secondo. E’ questo il risultato raggiunto dai ricercatori della University College London (UCL) in partnership con KDDI Research e Xtera, un data rate che stabilisce un nuovo record di velocità per le connessioni Internet veicolate tramite fibra ottica.

178 Terabit al secondo, vale a dire 178.000.000 di megabit al secondo e il doppio (secondo i calcoli dell’UCL) dell’intera capacità di trasmissione telematica dei dati disponibile su qualsiasi sistema in giro per il mondo. Quasi un miracolo della tecnica, che tra l’altro dovrebbe declinarsi piuttosto facilmente (e a un costo relativamente contenuto) nelle infrastrutture in fibra ottica già in circolazione.

UCL - 178 terabit al secondo su fibra ottica

I ricercatori britannici hanno raggiunto l’obiettivo impiegando lunghezze d’onda molto più estese per il trasferimento dei dati su fibra ottica, usando la banda dei 16,8THz (radiazioni agli infrarossi) dello spettro elettromagnetico contro i 4,5THz dell’attuale infrastruttura commerciale in fibra. In aggiunta, gli esperti hanno adottato nuovi metodi di modellazione dei segnali luminosi e tecnologie di amplificazione del segnale innovative.

Diversamente dai 44,2 terabit al secondo raggiunti di recente in Australia, i 178 Tbps britannici sono stati registrati solo in laboratorio e richiederanno un bel po’ di tempo prima di raggiungere i lidi della Internet di tutti i giorni. La prospettiva è in ogni caso molto buona, visto che l’infrastruttura in fibra corrente richiederà solo l’upgrade degli amplificatori di segnale ora installati a intervalli di 40-100 chilometri.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.