Apple ARM

WWDC 2020: Apple abbandona Intel e sceglie ARM

Apple ha annunciato alla WWDC 2020 che i futuri Mac integranno i suoi processori basati sull'architettura ARM, come quelli degli iPhone e iPad.

Un enorme salto in avanti per il Mac. Con queste parole Tim Cook ha annunciato il passaggio all’architettura ARM. I chip Apple prenderanno quindi il posto degli attuali processori Intel nei futuri MacBook e iMac. Ciò porterà grandi vantaggi in termini di prestazioni, consumi e compatibilità delle app. La transizione coinciderà con la disponibilità di macOS Big Sur.

Processori ARM nei nuovi Mac

Da oltre 10 anni, gli ingegneri progettano i SoC ARM (i famosi Apple A) che oggi sono utilizzati per iPhone, iPad e Apple Watch. A partire dalla stessa architettura scalabile è stato avviato lo sviluppo dei corrispondenti processori per Mac. L’azienda di Cupertino promette un incremento delle prestazioni per Watt e delle prestazioni grafiche. Gli sviluppatori avranno accesso a varie tecnologie, come il Neural Engine.

Nascerà dunque un’architettura comune per tutti i prodotti Apple, semplificando la scrittura e l’ottimizzazione del software per l’intero ecosistema. Le app iOS e iPadOS potranno essere eseguite nativamente accanto alle app macOS e verranno pubblicate sul Mac App Store. Microsoft e Adobe hanno già avviato lo sviluppo delle versioni ARM dei loro software.

Mac con processori Apple

Per le app compatibili con i processori Intel verrà utilizzata la tecnologia di Rosetta 2 (inclusa in macOS Big Sur) che effettua la “traduzione” durante l’installazione. La virtualizzazione permetterà anche di eseguire Linux sui nuovi Mac. Gli sviluppatori possono iniziare la modifica delle loro app utilizzando un Developer Transition Kit composto da un Mac mini con processore Apple A12Z Bionic (lo stesso dell’iPad Pro), 16 GB di RAM, SSD da 512 GB, una versione beta di macOS Big Sur e Xcode 12.

I primi Mac con processori Apple arriveranno sul mercato alla fine del 2020 e la transizione verrà completata in due anni. Apple annuncerà ancora Mac con processori Intel e versioni di macOS compatibili.

Aggiornamento del 24 giugno: gli utenti non potranno installare Windows tramite Boot Camp, in quanto la versione ARM del sistema operativo di Microsoft è disponibile solo per gli OEM.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.