hotel spaziale voyager 2027

Il primo hotel nello spazio sarà operativo a partire dal 2027

Orbital Assembly inizierà a costruire il primo hotel spaziale nel 2025: la stagione Voyager sarebbe visitabile già a partire dal 2027

Il primo hotel spaziale in assoluto dovrebbe essere operativo entro il 2027. La società Orbital Assembly ha rivelato che intende iniziare la costruzione della stazione Voyager, il primo hotel spaziale dell’umanità, nel 2025. Secondo quanto riferito, il resort celeste sarà operativo entro il 2027. Mancano quindi pochi anni prima che un hotel fuori dal mondo possa diventare realtà.

L’azienda ha pubblicato anche dei rendering dell’hotel celeste. Sono presenti nelle immagini dei singoli pod attaccati a una ruota in movimento, con tubi che collegano le diverse aree che formano una X, come fosse l’asse di un cerchio.

Gli ospiti non pagheranno solo per la novità dell’ambientazione. Infatti ci saranno una serie di servizi a bordo, tra cui ristoranti a tema, un centro benessere, un cinema, palestre, biblioteche, sale da concerto, lounge e bar con vista sulla Terra. Le stanze potranno ospitare fino a 400 persone. Inoltre ci saranno gli alloggi dell’equipaggio, e spazi dove tenere al sicuro le riserve d’ossigeno, acqua e elettricità.

Orbital Assembly spera anche di vendere porzioni dell’hotel spaziale a parti interessate, comprese le agenzie governative. Queste potrebbero cercare di utilizzare lo spazio come centro di formazione. Invece altri clienti potrebbero acquistare un posto per creare una villa a bordo dell’hotel spaziale.

hotel spaziale voyager 2027
Alcuni render del Voyager

Secondo quanto riferito, l’hotel spaziale girerà intorno al globo ogni 90 minuti. La rotazione del cerchio genererà una gravità artificiale simile a quella sulla Luna. Nessun costo di costruzione è stato rivelato al momento. Un robot di nome STAR (Structure Trust Assembly Robot) si occuperà di costruire il telaio della Voyager in orbita, una volta che l’azienda avrà completato alcuni test relativi alla gravità.

hotel spaziale voyager 2027
Alcuni render del Voyager

Questa sarà la prossima rivoluzione industriale“, ha dichiarato John Blincow, il fondatore della Gateway Foundation, che gestirà alcuni dei pod della Voyager, secondo il Daily Mail. L’aspetto della rotazione è “vitale”, ha aggiunto. Senza gravità, le persone non possono rimanere su una stazione spaziale per un tempo prolungato. Orbital mira a rendere possibili soggiorni di più mesi sulla Voyager. “Le persone hanno bisogno della gravità per evitare che i loro corpi si sfaldino“, ha spiegato Blincow. La notizia arriva qualche giorno dopo l’arrivo su Marte di Perseverance.

PCProfessionale © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare