Android, identificare i brani musicali senza l’uso di app esterne

Android offre una funzionalità base per l’identificazione dei brani musicali sconosciuti. Una soluzione perfetta se non vogliano (o non possiamo) usare app esterne come la solita Shazam.

Quando si tratta di sfruttare l’ubiquità e la praticità d’uso dello smartphone per identificare canzoni e composizioni musicali sconosciute, la app Shazam è universalmente considerata come la soluzione ottimale. Il che è certamente vero, ma non esclude il fatto che Android includa anche una soluzione meno elaborata ma gestita in maniera nativa.

Almeno in teoria, installare Shazam non è strettamente necessario per trasformare il nostro smartphone Android in un sistema di identificazione musicale a tutto tondo. Basta infatti aprire Google, o per meglio dire la app ufficiale di Google, quindi attivare la modalità di ascolto tramite l’icona-microfono presente sulla finestra principale della app.

Identificare brani musicali con Android - 1

A questo punto Google sarà “in ascolto”, e posizionando il microfono dello smartphone accanto a una fonte musicale specifica comparirà una nuova scelta in basso a destra.

Identificare brani musicali con Android - 2

Dopo aver selezionato la nota musicale indicata dalla dicitura “Che cos’è questo brano?”, Google procederà all’identificazione della composizione che stiamo ascoltando al momento. In caso di successo dell’operazione, la app indicherà il titolo del brano, l’autore, una serie di link da cui ascoltare/acquistare il contenuto corrispondente e le ricerche correlate.

Identificare brani musicali con Android - 3

L’identificazione musicale di Google non sarà forse evoluta o curata come quella fornita da Shazam, nondimeno offre una soluzione alternativa che non necessita di app o interventi esterni. Ideale per cui non vuole o non può aggiungere nuove app alla schermata Home del proprio telefonino.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.