Logo Steam

HowTo | Software

Come accedere ai giochi per adulti su Steam

Alfonso Maruccia | 19 Settembre 2018

Steam

Valve ha recentemente allentato i controlli sulla pubblicazione di titoli esclusivamente per adulti nel suo store digitale, una politica che però necessita di un intervento diretto da parte dell’utente per avere pienamente effetto.

Qualche tempo fa il blog ufficiale di Steam ha annunciato l’apertura di quella che potrebbe essere considerata una nuova era nel digital delivery videoludico su PC, un’era in cui le restrizioni sul tipo di contenuti che è possibile cercare e acquistare sullo store gestito da Valve saranno molto più rilassate rispetto al passato. In pratica, ora gli sviluppatori possono pubblicare giochi con contenuti esclusivamente per adulti, mentre gli utenti possono cercare i suddetti giochi dopo aver modificato le impostazioni dello store.

Valve ha giustificato il cambio di politica dicendo di non voler vestire i panni del censore che decide cosa può essere pubblicato e cosa no, e in forza della nuova policy ora su Steam sono disponibili giochi con contenuti sessuali espliciti (quando non direttamente pornografici) e senza censure o anche altri tipi di contenuti “estremi”. Solo i titoli totalmente illegali o considerabili come puro e semplice “trolling” continueranno a essere censurati, dice ancora Valve.

Prima di visionare il genere di contenuti in oggetto, gli utenti interessati dovranno in ogni caso modificare le impostazioni del servizio accedendo alle Preferenze del Negozio dall’icona del profilo sul client di Steam in alto a destra: l’opzione da abilitare è quella corrispondente alla casella Contenuti sessuali espliciti o solo per adulti, mentre con Visualizza prodotti di esempio è possibile avere un’anteprima dei contenuti che d’ora in poi potremo visionare sullo store. La nuova opzione avrà effetti immediati, ed è possibile abilitarla anche dalla pagina delle preferenze sul portale Web di Steam, mentre le altre preferenze disponibili ci permettono di impostare la visualizzazione di altri tipi di contenuti “non adatti ai minori”, di censurare o meno i contenuti violenti o a sfondo sessuale, limitare le preferenze a uno o più sistemi operativi e altro ancora.

Per effettuare un test concreto sugli effetti delle nuove opzioni, possiamo provare a cercare Negligee: Love Stories sullo store di Steam: la visual novel di Dharker Studio è il primo gioco contenente nudi e scene di sesso (disegnato) esplicito senza censure ad approdare su Steam (anche se non in tutti i mercati), e se proviamo a cercare il titolo del gioco su Steam senza aver prima abilitato l’opzione “solo per adulti” ci troveremo davanti a risultati censurati. Una volta abilitata l’opzione nelle preferenze, invece, i risultati delle ricerche non avranno censura o “filtro” di sorta. L’accesso alla pagina del gioco sullo store tramite link diretto è sempre possibile con o senza filtri.

La possibilità di pubblicare, visionare e acquistare contenuti espliciti su Steam rappresenta un interessante evoluzione dello store digitale di Valve, anche se come dimostra il caso di Negligee: Love Stories la nuova politica ha al momento effetti diversi nei diversi mercati nazionali su cui è presente lo store.

Logo Steam

Software

Aprire Steam senza l’uso del browser integrato

Alfonso Maruccia | 4 Dicembre 2020

Browser Web Gaming Memorie Steam

Steam utilizza il browser Web integrato per visualizzare la libreria e lo store, ma è possibile usare il client videoludico senza il browser risparmiando così sull’uso della memoria RAM.

Come tutti i client videoludici moderni per PC e non solo, Steam fa uso di un browser integrato per gestire la visualizzazione dello store da cui acquistare i giochi, la libreria dei giochi acquistati e installati in locale e altre funzionalità dell’interfaccia. Ma come un qualsiasi browser moderno basato sul progetto Chromium, anche Steam tende a consumare centinaia di megabyte di RAM solo per la visualizzazione della libreria.

In genere, questo stato di cose non presenta particolari controindicazioni, mentre ogni gigabyte (o anche mezzo gigabyte) di RAM diventa prezioso se sul nostro sistema sono presenti solo 8GB di memoria. La fame sempre crescente di RAM delle ultime produzioni videoludiche non fa che peggiorare ulteriormente la situazione.

In casi del genere, o qualora volessimo in ogni caso ridurre al minimo il consumo di RAM da parte di Steam, è possibile lanciare il client di Valve senza far partire contemporaneamente il browser integrato. Per rendere più funzionale il tutto, occorrerà aprire il programma attivando contemporaneamente la modalità piccola.

Steam senza browser - 1

Il trucco funziona da riga di comando, quindi è prima di tutto necessario individuare la cartella in cui abbiano installato Steam (nel nostro caso D:\Videogiochi\Valve\Steam). Una volta raggiunta tale cartella da una finestra del prompt, potremo lanciare l’eseguibile steam.exe con il seguente comando:

steam -no-browser +open steam://open/minigameslist

Senza l’ausilio del browser interno, Steam offre funzionalità limitate alla visualizzazione della libreria, l’installazione e il lancio dei giochi da noi acquistati in precedenza. Non è invece possibile acquistare nuovi titoli o disinstallarli. Anche il tentativo di ripristinare la modalità di visualizzazione standard porterà alla comparsa di un messaggio di errore autoesplicativo.

Steam senza browser - 2
Steam senza browser - 3

Per riportare tutto alla normalità, basterà uscire da Steam e riavviare il client tramite il collegamento usuale da desktop o Menu Start. Per adottare in pianta stabile il funzionamento senza browser interno, invece, dovremo modificare il link (o crearne un altro a partire da quello precedente) aggiungendo il comando -no-browser +open steam://open/minigameslist alla Destinazione nella proprietà del Collegamento.

Steam senza browser - 4

Abbiamo infine a disposizione una terza alternativa, se vogliamo continuare a usare Steam con il browser senza correre il rischio di ritrovarci senza memoria per l’esecuzione dei nostri giochi preferiti: acquistare nuovi banchi DRAM approfittando dell’attuale situazione di mercato che favorisce i prezzi bassi.

Logo Steam

CPU

Steam: AMD continua a erodere quote di mercato a Intel

Alfonso Maruccia | 4 Dicembre 2020

AMD Cpu Intel Steam

Le ultime statistiche di utilizzo del popolare servizio videoludico per PC confermano il crescente successo di mercato delle CPU AMD. Ryzen e Zen conquistano utenza mentre Intel prepara le battaglie future.

A due mesi di distanza dal passaggio, a suo modo storico, del 25% del mercato dei videogiocatori attivi su Steam, la crescita della quota di chip AMD sulla popolare piattaforma di Valve non accenna a rallentare. Il gap con Intel è ancora vasto, ma il trend conferma il vento in poppa per le soluzioni Ryzen e le nuove iterazioni dell’architettura di processore Zen.

Secondo gli ultimi sondaggi hardware di Steam riferiti al mese di novembre, infatti, l’uso delle CPU prodotte da AMD è aumentato ancora ed è ora fermo al 26,91%. Intel occupa l’altra metà, anzi gli altri due terzi del cielo del gaming via Steam con il 73,09% di market share, ma il trend positivo di AMD comincia ad acquisire una certa consistenza.

AMD CPU Steam Novembre

Le CPU Ryzen e l’architettura Zen (3) hanno riportato AMD al centro della scena nel mercato dei processori per PC x86, con nuove unità computazionali in grado di offrire prestazioni migliori a un prezzo inferiore rispetto alla controparte Intel. E Intel pensa ovviamente a riprendersi lo scettro delle prestazioni con Rocket Lake-S, CPU Core desktop di undicesima generazione in arrivo per il 2021 con supporto (tra le altre cose) allo standard PCI Express 4.0.

Sempre a riguardo di Rocket Lake-S, una recente aggiunta al benchmark Geekbench fa riferimento a un sample ingegneristico di una CPU 11th gen a 8 core e 16 thread inclusa in un PC da gaming HP Omen 30L. I numeri tornano a essere a favore di Intel, sia nelle prestazioni a singolo core che in quelle multi-core.

Tornando infine a Steam, i sondaggi di novembre 2020 continuano a incoronare GeForce GTX 1060 come la GPU più popolare presso i giocatori su PC. In questo caso NVIDIA la fa da padrona, e la strada di AMD e delle nuove Radeon RX sembra molto più in salita rispetto al settore delle CPU.

Rogue su Steam

Videogame

Rogue, il dungeon crawler originale, approda su Steam

Alfonso Maruccia | 13 Ottobre 2020

Gaming Steam Valve

Il gioco che ha dato origine a un intero genere arriva sullo store digitale di Valve. L’esperienza di Rogue è essenziale, in grafica ASCII e con permadeath, come ai bei tempi del DOS.

Prima dei cosiddetti roguelike, c’era solo Rogue. Un gioco in grafica ASCII, originariamente programmato su mainframe Unix nel 1980 e poi approdato su home computer e PC IBM, che ha fondato l’intero genere dei dungeon crawler con livelli generati proceduralmente, scontri casuali e un livello di rigiocabilità potenzialmente infinito.

L’intero mercato dei videogiochi fantasy deve molto, anzi tutto a Rogue, e capolavori assoluti del calibro di Diablo II non potrebbero esistere senza questa prima esperienza seminale. Ora anche i giocatori più moderni potranno sperimentare com’erano i “roguelike”, anzi com’era il Rogue originale, e i giochi fantasy degli anni ’80 grazie alla re-distribuzione del gioco via Steam.

Rogue

Distribuita dai tipi di Pixel Games UK, la nuova edizione digitale di Rogue non è proprio l’originale ma una versione strettamente imparentata con la prima release per MS-DOS (Epyx Rogue v1.49). La grafica ASCII è quindi a colori, ma il resto dell’esperienza Rogue è identico con livelli e mostri casuali, un’interfaccia di comandi da tastiera piuttosto ostica (almeno all’inizio) e la morte permanente del personaggio giocante.

Oggi come trenta e più anni fa, l’obiettivo del protagonista di Rogue è superare 26 livelli pieni di insidie, trappole e avversari mortali, recuperare un amuleto magico e poi darsela a gambe levate sperando di tornare sani e salvi in superficie. In arrivo il 20 ottobre, a un prezzo ancora da definire.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.