Disney+

Disney+, i requisiti di sistema per accedere alla piattaforma su PC, mobile e altrove

Ora che Disney+ ha finalmente debuttato sul mercato italiano ed europeo, scopriamo in dettaglio quali sono i requisiti di sistema per “accendere” lo streaming della megacorporazione di Topolino su PC, gadget mobile, Smart-TV e console di videogiochi.

Nonostante il periodo difficile e la necessità di risparmiare la banda di rete per gli usi meno ricreativi, ieri sono ufficialmente partite le trasmissioni di Disney+ in Italia e nel resto d’Europa (Francia esclusa). Il nuovo servizio di streaming del megacolosso hollywoodiano gira praticamente su qualsiasi cosa, dai classici PC ai gadget mobile passando per Smart TV e console di videogiochi.

Il centro assistenza di Disney+ fornisce tutti i ragguagli in merito ai requisiti di sistema necessari a fruire del servizio; per quanto riguarda il PC, lo streaming di Topolino è supportato “dalla maggior parte dei browser Web” ed è consigliato l’uso della versione del browser di sistema più recente per un utilizzo ottimale.

In particolare, i requisiti di sistema minimi per lo streaming di Disney+ su PC Windows sono i seguenti:

  • Firefox 68 (Windows 7)
  • Edge (Windows 10)
  • Chrome 75 (Windows 7)
  • Internet Explorer 11 (Windows 8.1)
Disney+ logo

Su macOS, invece, Disney+ ha bisogno almeno di Safari 11 e macOS 10.12, Chrome 75 e macOS 10.10, Firefox 68 e macOS 10.9. La versione minima supportata di Chrome OS è la 79, mentre i browser mobile non funzionano e lo stesso si può dire di Linux nonostante tutto.

Su gadget mobile (smartphone e tablet) sono ovviamente disponibili le app dedicate, che necessitano almeno di Android 5.0 oppure iOS 11.0 per poter funzionare, mentre le Smart-TV compatibili includono quelle basate su Android TV, i modelli LG con sistema WeBoS 3.0 e i TV Samsung con OS Tizen (Orsay è escluso).

Disney+ può infine trasmettere i suoi mondi fantastici (Star Wars, Marvel, Pixar, Disney, National Geographic) su Chromebook, Chromecast, PlayStation 4 e Xbox One in tutti e tre i modelli disponibili sul mercato. Le app dedicate possono ovviamente essere scaricate dagli app store proprietari dei diversi dispositivi.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.