No Screen Off: evitare la sospensione dello schermo su Android

No Screen Off è una app essenziale e assolutamente efficace nel task per cui è stata creata, vale a dire bloccare la sospensione dello schermo su uno smartphone Android.

Il sistema operativo Android non permette di disabilitare in maniera permanente la sospensione e il conseguente spegnimento dello schermo di uno smartphone, l’utente ha infatti la sola possibilità di scegliere un tempo di inattività massimo che va da 15 secondi a 30 minuti e nient’altro.

Diversamente da quanto imposto da Google sul suo sistema per gadget mobile, invece, l’utente potrebbe avere l’esigenza legittima di disabilitare in maniera permanente la sospensione del display. In casi del genere possiamo usare una app di terze parti come No Screen Off.

No Screen Off - 1

Estremamente compatta nelle dimensioni, semplice da usare e senza la minima ombra di advertising, No Screen Off entra in funzione subito dopo l’attivazione tramite tocco sull’icona della app. Un messaggio visualizzato nella parte bassa della schermata Home confermerà che il timeout di spegnimento dello schermo risulta disabilitato.

No Screen Off - 2

Da questo momento in poi, No Screen Off visualizzerà un’icona “solare” nell’area di Notifica di Android a indicare la presenza in memoria della app. Quando selezioneremo la notifica o toccheremo di nuovo l’icona della app, invece, No Screen Off si “spegnerà” ripristinando il tempo di spegnimento impostato in precedenza (2 minuti nel caso dello smartphone usato per i test).

No Screen Off rimedia a una mancanza di Android piuttosto grave, visto che la possibilità di disabilitare lo spegnimento del display può risultare utile (se non addirittura indispensabile) in diversi scenari di utilizzo. Uno su tutti: l’attività sportiva in mountain bike con tracciamento geolocalizzato del percorso tramite smartphone, senza brutte sorprese o app di tracking che vanno in crash.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.