Antidepressivi vs Tolkien - 1

Antidepressants or Tolkien, l’insolito quiz fanta-farmacologico

Antidepressants or Tolkien propone una serie di domande a doppia risposta, dove l’obiettivo è indovinare se si tratta di un personaggio fantastico o di un antidepressivo.

Il Signore degli Anelli, lo Hobbit, il Silmarillion: l’opera di J. R. R. Tolkien ha lasciato un segno indelebile nella letteratura fantastica del ‘900, un successo in non minima parte attribuibile al vasto e ricco corpus di miti, personaggi e leggende che popolano le lande e la storia della Terra di Mezzo.

Per rendere più credibile la sua mitologia fantastica, Tolkien (professore a Oxford) ha creato nuove lingue e intere saghe mitologiche. Una produzione che, come s’è accorto qualcuno, oggi parrebbe soffrire di una preoccupante rassomiglianza con la terminologia usata dalle ditte farmaceutiche specializzate in antidepressivi.

Antidepressivi vs Tolkien - 2

Antidepressants or Tolkien è una pagina Web che propone appunto un quiz da 24 termini, dove per ogni termine l’utente può scegliere se si tratta di una parola proveniente dalla fantasia di Tolkien o se è il marchio di un antidepressivo commerciale o di una molecola correlata.

Antidepressivi vs Tolkien - 3

Il database di Antidepressants or Tolkien offre una certa varietà, visto che include sia personaggi ben noti (Bilbo Baggins, Elendil) che i protagonisti minori o più remoti del legendarium del professore britannico. Alla fine del quiz non è previsto alcun “premio” o risultato aggiuntivo oltre all’indicazione del numero di risposte indovinate sul totale.

Antidepressivi vs Tolkien - 4

Anche considerando le limitazioni e la semplicità dell’impostazione, Antidepressants or Tolkien offre un’interessante (e per certi versi divertente) modalità di rivisitazione della Terra di Mezzo per chi è in astinenza da Tolkien e ha già letto e visto tutto quello che c’era da leggere e vedere. L’importante è non farsi prendere dalla… depressione, se il risultato finale del test è miseramente basso rispetto alle aspettative iniziali.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.