Terra

Proiezioni cartografiche e reali dimensioni delle nazioni

Le proiezioni cartografiche usate per le mappe geografiche tendono a distorcere le dimensioni reali dei paesi e dei continenti. Un sito Web permette di esplorare in dettaglio questo insolito ma ben noto fenomeno.

Come ben sanno i cartografi e i lettori di carte nautiche, le mappe geografiche tradizionali (e a cascata quelle usate sul Web) soffrono di un curioso fenomeno di distorsione delle reali proporzioni di paesi e continenti. Le mappe più comuni sono in genere basate sulla proiezione di Mercatore, e tendono a ingrandire le dimensioni man mano che ci si avvicina ai poli.

In realtà, da un punto di vista planetario, le varie nazioni del mondo (ma anche i mari, gli oceani e i continenti) sono caratterizzati da dimensioni relative molto diverse da quelle che appaiono nelle mappe tradizionali. Dimensioni che è possibile esplorare liberamente tramite un sito come The True Size Of ….

L’utilizzo del sito in oggetto è piuttosto semplice: basta cercare il paese di cui intendiamo verificare le dimensioni nella casella in alto a sinistra (es. Italy), selezionare un risultato, quindi trascinare il paese testé evidenziato nel punto del mondo in cui vogliamo confrontare le dimensioni.

Proiezioni cartografiche

Come avviene nella proiezione di Mercatore, man man che trasciniamo il nostro paese verso i poli lo ingrandiremo, mentre otterremo l’effetto contrario spostandoci verso l’equatore terrestre. E’ possibile cercare (in inglese), selezionare e spostare diversi paesi contemporaneamente, mentre i pulsanti About e Clear Map (sempre in alto a sinistra) servono a consultare la breve descrizione del funzionamento del sito e a fare tabula rasa delle selezioni precedenti.

Un sito come The True Size Of offre un interessante occasione di apprendimento su un fenomeno particolare ma non molto conosciuto nel mainstream. La distorsione delle mappe geografiche ci accompagna quando usiamo Google Maps, quando viaggiamo o quando ci serviamo della geolocalizzazione per qualsivoglia motivo. Quindi tanto vale essere pienamente consapevoli della natura “virtuale” delle loro dimensioni.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.