Playlist smart per la manutenzione della libreria

Itunes è un software molto ricco di funzioni, al punto che alcune di esse non vengono utilizzate quasi mai o addirittura rimangono sconosciute alla maggioranza degli utenti. È un peccato, perché nonostante i suoi difetti iTunes offre alcune caratteristiche comodissime, che possono semplificare la vita in particolare a chi deve gestire un’ampia collezione di album, canzoni e podcast. Le playlist smart sono uno strumento prezioso, di cui abbiamo già  parlato nella rubrica hacks di PC Professionale di marzo 2012 (a pagina 158). Ma i suggerimenti di allora non esauriscono il campo delle possibili applicazioni; vediamo ora come sfruttare questa funzione per semplificare le operazioni più noiose, come la manutenzione della libreria audio. Tutti gli abbonati ai podcast tendono ad accumulare puntate su puntate di ogni trasmissione, che invece potrebbero essere cancellate dopo l’ascolto. Basta una semplice playlist smart per evidenziare tutti gli elementi già  riprodotti, e poi eliminarli in un’unica operazione: aprite la finestra di creazione scegliendo File/Nuova/Playlist smart nel menu (potete anche sfruttare la scorciatoia da tastiera Ctrl+Alt+N), inserite la regola Tipo di supporto è Podcast, poi fate clic su + per aggiungere una seconda regola e impostate Riproduzioni è maggiore di 0.

Se spesso siete troppo generosi quando assegnate la valutazione ai brani, potete creare una playlist smart che individui i brani da rivalutare, per esempio selezionando quelli con voti alti che sono stati però saltati durante la riproduzione: aprite la finestra di creazione delle playlist smart e inserite le regole Omissioni è maggiore di 1 e Classifica è maggiore di 3 (oppure di 4).

Una regola simile permette di cercare eventuali brani o album poco graditi, che si candidano a essere eliminati dalla libreria: potete individuare i brani saltati più volte (Omissioni è maggiore di 3), con valutazione particolarmente bassa (Classifica è minore di 2) oppure non ascoltati da molto tempo (Ultimo ascolto non è tra gli ultimi 6 mesi). Queste regole possono essere utilizzate insieme, per ottenere un filtro molto selettivo, con l’opzione Attieniti a tutte le seguenti regole in alto, oppure applicate in alternativa, scegliendo Attieniti a una delle seguenti regole. L’ultima impostazione può essere utilizzata anche per individuare i brani a cui mancano uno più metadati, creando una regola che permetta di raggruppare tutti gli elementi da correggere o integrare: create una nuova playlist smart e impostate innanzi tutto l’opzione Attieniti a una delle regole, in alto. Aggiungete poi una regola per ogni tipo di metadato che volete controllare, lasciando vuoto il relativo campo di testo: Album è <vuoto>, Artista è <vuoto>, Genere è <vuoto> e così via.

Nessun Articolo da visualizzare