Usare Google Drive offline

Dopo aver lanciato il servizio di cloud storage Drive, Google ha deciso di consolidare al suo interno anche le funzioni che precedentemente erano affidate a Docs, una suite di produttività  personale offerta sotto forma di servizio Web. I testi, i fogli di calcolo, le presentazioni e tutti gli altri documenti di Google Docs sono ora accessibili dall’interfaccia di Drive e possono essere aperti online come in passato.

Internet2Se però si installa il client locale per Google Drive, che sincronizza i contenuti dello storage remoto con una cartella del computer, l’accesso ai documenti di Google Docs non è sempre garantito. Di default, infatti, in locale non vengono memorizzati i documenti completi ma solo dei collegamenti alla loro posizione nel cloud di Google. Aprendo uno di questi collegamenti con un doppio clic si viene indirizzati alla pagina Web del documento, in modo da poterlo consultare o modificare. Questo approccio è efficace fintantoché si dispone di un collegamento attivo a Internet; se invece ci si trova offline i documenti di Google Docs sono sostanzialmente irraggiungibili. La versione 1.9 del client di Google Drive per Pc e Mac permette però di risolvere il problema, perlomeno se si usa Google Chrome come browser; vediamo come procedere.

Innanzitutto avviate Chrome e visitate la pagina di Google Drive; se non avete ancora completato il login inserite le vostre credenziali di accesso. Nell’elenco di sinistra individuate la voce Altro e selezionatela per mostrare gli elementi avanzati del menu. Fate clic su Offline per raggiungere la pagina di configurazione, e poi fate clic su Abilita accesso offline. Come riporta la descrizione di questa funzione, i documenti nei formati di Google saranno salvati in locale e potranno essere aperti anche quando non si è collegati a Internet; nell’implementazione attuale i fogli di calcolo possono essere solo visualizzati e non modificati, mentre per tutti gli altri tipi di documento l’accesso è completo.

Nessun Articolo da visualizzare