instagram bufala

Instagram ruba le foto? La bufala che spopola tra i VIP

Diversi VIP stanno postando un’immagine testuale per proteggere le proprie foto ed evitare che Instagram le rubi, ma è tutta una bufala

Sono in molti i VIP che hanno postato su Instagram un’immagine di testo, sostenendo che il social stia cambiando la propria privacy riguardo le foto. In questa porzione scritta l’utente sostiene di non dare il permesso a Instagam di rubare i propri data come foto, messaggi e informazioni sia passate che future. Tuttavia si tratta di una bufala che ha iniziato a girare su Instagram proprio perché diffusa da personalità influenti del web.

Questo tipo di grafica è spesso riconducibile a una bufala, e quindi a un messaggio falso che circola sul web senza una vera e propria fonte che confermi l’effettivo contenuto. Per chi conosce Facebook, sa che spesso il social è stato vittima di questa bufala, ma la questione è arrivata anche su Instagram. Il problema è che diverse personalità famose hanno condiviso questo post testuale, senza verificare che effettivamente si trattasse di una situazione falsa.

Attori come Rob Lowe, cantanti con Pink e Usher e la modella Adriana Lima, sono stati alcuni dei nomi che hanno condiviso tra i post del proprio account questo testo:

“Non dimenticatevi che da domani avrà inizio la nuova policy sulla privacy di Instagram secondo la quale il social potrà usare le tue foto. La scadenza è domani! Può essere usato in tribunale contro di voi. Tutto quello che avete postato fino a oggi, compresi i messaggi privati cancellati, saranno pubblici. Serve solo un semplice copia e incolla per proteggervi, niente di più. Anche Channel 13 ne ha parlato proprio oggi. Non do il mio permesso a Instagram o a realtà collegate ad esso di usare le mie informazioni, foto, messaggi, sia passati che futuri.

Con questo messaggio vieto a Instagram di copiare e diffondere, o prendere provvedimenti nei miei confronti in base a ciò che ho postato. Il contenuto di questo profilo è privato e confidenziale. Ogni violazione della privacy può essere condannata per legge. NOTA BENE: Instagram è un’entità pubblica. Ogni membro deve postare una nota come questa. Se preferisci puoi copiare e incollare questa versione. Se non pubblichi una dichiarazione almeno una volta permetti a Instagram di usare le tue foto e le tue informazioni. INSTAGRAM NON HA IL MIO PERMESSO DI CONDIVIDERE FOTO O MESSAGGI”.

Celebrità come Julia Roberts, Debra Messing e Scooter Braun, il manager di Justin Bieber, hanno postato la stessa immagine ma l’hanno poi prontamente rimossa.

Riprendendo il discorso legato alle bufale di Facebook, se si osserva con cura la porzione di testo è possibile notare, come riporta 10Daily, che l’immagine non è stata realizzata al meglio. Infatti sembra proprio che tutte le volte che compare la parola Instagram, non sia in linea con le altre, quasi come se in precedenza ci fosse stato scritto altro, poi rimosso. Si tratta infatti dello stesso testo che circolava su Facebook: il nome del social infatti è stato cancellato e al suo posto è stato scritto Instagram.

Lo stesso 10Daily ha cercato di contattare Instagram o Facebook, ma alcuni organi di stampa statunitensi hanno dichiarato che Facebook ha sostenuto che non ci sia niente di vero in questo tipo di post.

PCProfessionale © riproduzione riservata.