Test: i Tablet Windows 8

La sfida di Microsoft al mercato dei tablet con Windows 8 e Windows RT è una delle più ambiziose e delicate della sua storia. Scopriamo insieme di cosa sono capaci i nuovi modelli.

di Pasquale Bruno

Si è fatto attendere, ma alla fine è arrivato: Microsoft ha scelto la data del 14 febbraio per iniziare le vendite del tablet Surface nel nostro Paese. In realtà  negli Stati Uniti è disponibile dal 26 ottobre 2011; quasi quattro mesi di ritardo che tra l’altro comprendono il vitale periodo natalizio. Il Microsoft Surface RT si candida così a diventare il tablet di riferimento per il sistema operativo Windows RT, benché altri concorrenti siano già  sul mercato da qualche mese. Windows RT, lo ricordiamo, è la speciale versione di Windows 8 che gira su architettura Arm; lanciata lo scorso ottobre, presenta l’interfaccia comune Modern UI, la possibilità  di accedere a un desktop tradizionale e uno store dedicato da cui scaricare il software. Il ritardo con cui Microsoft si presenta sul mercato dei tablet è notevole, ma l’obiettivo è ambizioso: portare per la prima volta nella storia lo stesso sistema operativo su una moltitudine di dispositivi, dai server agli smartphone passando ovviamente per i personal computer.

Dal lato utente si tratta di una possibilità  mai avuta prima; l’omogeneità  di interfaccia, programmi, modus operandi e servizi è l’ideale per rendere più semplice e pratico l’utilizzo dei propri dispositivi elettronici. Anche per le aziende è un bel vantaggio, che guardano con interesse alla possibilità  di gestire e mantenere più facilmente un parco macchine con software comune.

Il Surface RT, di cui contiamo di fornire una prova approfondita sul prossimo numero, è venduto in Italia al prezzo base di 487 euro per la versione da 32 Gbyte; quella da 64 Gbyte costa 591 euro e sono disponibili anche configurazioni con l’ innovativa Touch Cover con tastiera integrata a 100 euro in più (che può comunque essere comprata successivamente).

La prima cosa da notare è che il tablet di Microsoft abbassa il prezzo di ingresso per questi dispositivi; uno dei più economici è il Dell XPS 10, che viene venduto a 499 euro (a cui si devono aggiungere una trentina di euro per la spedizione). Il prodotto di Microsoft, dotato del potente processore Nvidia Tegra 3 e posizionato a 487 Euro, avrà  con tutta probabilità  l’effetto collaterale di far ritoccare i listini prezzi ai concorrenti.

In ogni caso la soglia minima per un tablet con Windows RT resta alta, considerato che il riferimento tecnologico di questo mercato, l’iPad di Apple con schermo Retina, costa 499 euro nella configurazione base.

I primi dati sulle vendite fornite da alcuni istituti di ricerca non sono particolarmente incoraggianti: a fronte delle previsioni di Microsoft di vendere almeno 4 milioni di tablet entro la fine del 2012, Digitimes e iSuppli stimano rispettivamente in 1,25 milioni e 2 milioni circa i tablet Surface RT consegnati ai rivenditori, con vendite effettive ai clienti finali ancora inferiori a tali cifre, addirittura non oltre il milione di unità . (…)

Estratto dell’articolo di 13 pagine pubblicato sul numero 264 di marzo di PC Professionale


Le foto dei tablet in prova sul numero di Marzo di PC Professionale

Acer_Iconia W700
Asus VivoTab_RT
Dell XPS 10
Fujitsu Stylistic Q702

PCProfessionale © riproduzione riservata.