Workstation portatili

Magazine

Workstation portatili

Pasquale Bruno | 5 Luglio 2018

HP Lenovo PNY Preview

Sotto test le workstation portatili di HP, Lenovo e PNY: tre notebook per chi lavora sul serio, con la grafica 3D ma non solo. Sono potenti, affidabili e dotate del meglio della tecnologia attuale.

Sono tanti gli elementi che distinguono una workstation portatile da un comune notebook, ma quelli cardine sono due: potenza e affidabilità. Sono le macchine più veloci disponibili sul mercato, che nascono per l’utilizzo professionale e in particolare per la grafica 3D. Un settore di applicazione classico è quello del disegno tecnico e della progettazione, meglio noto come Cad/Cam/Cae (Computer Aided Design, Manufacturing, Engineering), ma si rivelano ideali anche per la modellazione 3D, l’editing audio e video, il fotoritocco di immagini.

Avere i processori quad core e la grafica 3D più potenti sul mercato ovviamente non basta: una macchina che nasce per il lavoro creativo deve essere anche estremamente affidabile. Sia dal lato passivo (rigidità del telaio, materiali robusti, resistenza all’acqua) sia in maniera attiva (termini di garanzia e assistenza, tecnologie di sicurezza, salvaguardia dei dati). Una workstation portatile deve fornire gli standard più elevati sotto tutti questi punti di vista e deve permettere di continuare a lavorare in ogni situazione. Per essere considerata davvero tale, una workstation portatile deve avere un sottosistema grafico certificato dai vari Isv (Independent Software Vendor), i produttori di software professionale. Con un sistema certificato, si ha la garanzia che un dato applicativo è sicuramente compatibile e funzionerà senza problemi. Le Gpu più adatte a tale scopo sono le Nvidia Quadro e le AMD Radeon Pro/ Fire Pro.

Altro elemento importante è il display, che deve essere di qualità indiscutibile e, specie se la workstation è utilizzata per il fotoritocco o il disegno, deve avere dei colori aderenti alla realtà. I display delle macchine ricevute in prova sono stati prima sottoposti a un processo di calibrazione e quindi a una misurazione del bilanciamento cromatico, dell’uniformità cromatica e della luminanza. Un display da 15”, rigorosamente in tecnologia Ips, è a nostro avviso la soluzione migliore per conciliare qualità e portabilità. Questa dimensione consente di mantenere il peso totale sotto i 3 kg e anche di tenere il portatile sulle gambe, cosa molto difficile con i modelli da 17”.

In commercio ci sono anche delle workstation ultrasottili con peso sotto i due chili, ma non aspettatevi le prestazioni più elevate. La risoluzione di un display da 15” può variare tra la Full Hd (1.920 x 1.080 pixel) e la Ultra Hd (3.840 x 2.160 pixel). Quest’ultima offre una definizione ovviamente superiore, ma va considerato il fatto che una scalatura dei caratteri è praticamente d’obbligo (tra il 150 e il 200%, almeno) e alcuni software datati potrebbero non gradire questo fattore, mostrando errori nelle voci dei menu o negli elementi di controllo. Usare un display ad altissima risoluzione senza scalatura vuol dire rendere illegibili i font di corpo più piccolo e fare molta fatica nel distinguere le linee sottili in un programma di Cad.

Il chip grafico e il disco sono altri fattori importanti. Nelle due tabelle trovate i prodotti più recenti di AMD e Nvidia per il settore professionale. Le Quadro serie P sono basate su architettura Pascal e sono estremamente potenti; la serie M invece utilizza la precedente architettura Maxwell. La linea Radeon Pro di AMD ha soppiantato i precedenti modelli Fire Pro ed è basata su prodotti di ultima generazione con architettura Polaris e processo produttivo a 14 nanometri. Le prestazioni possono variare anche di molto tra un modello e l’altro e una scelta oculata è importante. I parametri più importanti da tenere in considerazione sono il numero di pipeline, l’ampiezza del bus della memoria, la quantità di memoria e le frequenze di clock.

L’unità di storage deve essere obbligatoriamente allo stato solido, meglio se su bus Pci Express 4X e in formato M.2: i dischi di ultima generazione hanno prestazioni strepitose e fanno la differenza rispetto a una classica unità Serial Ata, specie in settori particolari come l’editing video. Infine, non risparmiate sulla garanzia. La formula base dovrebbe coprire tre anni con assistenza di un tecnico a domicilio entro un giorno lavorativo della chiamata. Se la macchina viene utilizzata per lavoro non potete correre il rischio di restare fermi per due settimane mentre viene riparata. Visto che sono anche molto costose, può valere la pena sottoscrivere un piano che copra i danni accidentali come cadute, infiltrazioni di liquidi o sovratensioni elettriche.

I tre modelli ricevuti in prova rispettano tutti questi requisiti. Offrono prestazioni molto diverse tra loro e sono indirizzate a target differenti: la workstation di PNY offre prestazioni con la grafica 3D di altissimo livello grazie alla Gpu di fascia top, mentre la proposta di HP è leggera, maneggevole e con una lunga autonomia. Quella di Lenovo è più equilibrata e copre un ampio spettro di utilizzo. (… continuate a leggere sul numero 328 di PC Professionale)

HP Instant Ink

Hardware

HP Instant Ink, paga o ti blocco la stampante

Luca Colantuoni | 9 Novembre 2020

HP Stampa

Il servizio HP Instant Ink prevede il pagamento di una quota mensile anche per stampare fino a 15 pagine, altrimenti la stampante si blocca.

Leggendo il titolo si potrebbe supporre che le stampanti di HP siano state prese in ostaggio da un ransomware. Invece l’articolo scritto da Cory Doctorow per la Electronic Frontier Foundation svela i dettagli della novità introdotta dal produttore statunitense. Gli utenti che hanno sottoscritto l’abbonamento al servizio HP Instant Ink devono ora pagare una cifra mensile, anche se stampano meno di 15 pagine.

La gestione digitale dei documenti è sempre più diffusa, ma in alcuni casi è praticamente obbligatoria la versione analogica su carta. Serve quindi una stampante da scegliere tra quelle disponibili sul mercato. Da alcuni anni i produttori hanno iniziato ad offrire modelli molto economici, in particolare a getto di inchiostro, per le quali il costo delle cartucce originali supera quello della stampante stessa.

La possibilità di utilizzare cartucce compatibili di terze parti (quindi non originali) viene ostacolata in vari modi, ad esempio tramite “chip di sicurezza”. HP ha addirittura nascosto la funzionalità in un aggiornamento software del 2016. Il produttore statunitense offre però la possibilità di ricevere gratuitamente una nuova cartuccia tramite il servizio HP Instant Ink. Quando la stampante comunica online che il livello di inchiostro è basso, HP spedisce la cartuccia.

HP Instant Ink

Il piano “Free Ink for Life” consentiva di stampare gratuitamente fino a 15 pagine al mese. Gli utenti dovevano pagare un extra solo se il numero di pagine era maggiore. A partire dal 26 dicembre, HP farà un “regalo di Natale”: anche chi stampa fino a 15 pagine dovrà pagare una quota mensile (0,99 dollari). Superato questo numero scatta l’extra di 1 dollaro per 10 pagine. Se il numero è inferiore è possibile recuperare le pagine non stampate nei mesi successivi.

Email HP Instant Ink

Email ricevuta dagli utenti che usano il servizio HP Instant Ink.

Cosa succede se l’utente non paga? La stampante si blocca, indipendentemente dal livello di inchiostro. In pratica diventa un soprammobile (o un rifiuto elettronico). Cory Doctorow afferma nell’articolo che HP è un “truffatore di inchiostro” e che l’azienda statunitense ha trovato un nuovo modo per trasferire i soldi degli utenti nei suoi conti off-shore.

HP Spectre x360 14

Notebook

HP Spectre x360, nuovo modello da 14 pollici in Italia

Luca Colantuoni | 12 Ottobre 2020

HP Notebook

Il nuovo HP Spectre x360 14 con schermo da 13,5 pollici, processori Intel Tiger Lake, 16 GB di RAM e SSD fino a 1 TB sarà disponibile in Italia da dicembre.

HP ha annunciato l’arrivo in Italia del nuovo Spectre x360 con schermo da 14 pollici e processori Intel Core di undicesima generazione (architettura Tiger Lake). Il convertibile, presentato all’inizio del mese, rispetta i requisiti del programma Intel Evo (versione aggiornata di Project Athena), quindi offre la combinazione perfetta tra prestazioni e funzionalità.

Lo Spectre x360 14 possiede un telaio in alluminio e uno schermo da 13,5 pollici con risoluzione 3K (3000×200 pixel). È disponibile anche il display OLED multitouch con spazio colore 100% DCI-P3 e filtro per la luce blu. La dotazione hardware comprende i processori Intel Core di undicesima generazione (fino al Core i7-1165G7) con GPU Intel Xe integrata.

HP Spectre x360 14

La configurazione migliore offre 16 GB di RAM LPDDR4x-3200, SSD PCIe NVMe M.2 da 1 TB e memoria Intel Optane da 32 GB. La connettività è garantita dai modulo WiFi 802.11ax (Wi-Fi 6) e Bluetooth 5.0. Sono inoltre presenti il lettore di impronte digitali, il jack audio da 3,5 millimetri, quattro altoparlanti con audio Bang & Olufsen, una porta USB Type-A e due porte Thunderbolt 4 (USB4 Type-C), una delle quali è nell’angolo superiore destro del telaio.

La tastiera è full size e retroilluminata. La batteria da 66 Wh offre un’autonomia massima di 17 ore. Il notebook rileva se è nella borsa e sfrutta la tecnologia Dynamic Tuning per evitare il consumo della batteria e il suo surriscaldamento. Alcune versioni sono vendute insieme alla custodia protettiva e alla stilo HP Tilt Pen ricaricabile. Il sistema operativo è Windows 10 Home.

Lo Spectre x360 14 sarà disponibile da dicembre ad un prezzo base di 1.499,99 euro. HP ha aggiornato anche lo Spectre x360 13 (prezzo base di 1.399,99 euro) e il notebook Envy 13 (prezzo base di 949,99 euro), tutti equipaggiati con processori Intel Tiger Lake.

HP Omen 15

Notebook

HP Omen 15, design e hardware aggiornati

Luca Colantuoni | 2 Giugno 2020

Gaming HP Notebook

Il nuovo HP Omen 15 ha uno schermo da 15,6 pollici, processori Intel Core di decima generazione o AMD Ryzen 7 4000, fino a 32 GB di RAM e GPU NVIDIA GeForce GTX 1650 Ti o RTX 2070 SUPER.

HP ha annunciato una nuova versione del suo Omen 15, un notebook per il gaming con design e hardware rinnovati rispetto alla precedente generazione. Si notano in particolare il logo simile ad un diamante sulla cover e una grafica particolare (O15) sul poggia polsi. È possibile scegliere configurazioni con processori Intel e AMD. Il produttore statunitense non ha comunicato disponibilità e prezzi per il mercato europeo.

HP Omen 15: specifiche tecniche

Il nuovo HP Omen 15 ha uno schermo da 15,6 pollici e una cerniera a 180 gradi. Gli utenti possono configurazioni con display OLED, 4K a 120 Hz o full HD a 300 Hz, processori Intel Core di decima generazione (fino al Core i7 serie H) o AMD Ryzen 7 4800H, fino a 32 GB di RAM DDR4, singolo SSD PCIe fino a 1 TB o doppio SSD in RAID 0.

Il modello con CPU AMD può integrare solo la scheda video NVIDIA GeForce GTX 1650 Ti, mentre quello Intel è disponibile anche con scheda video NVIDIA GeForce RTX 2070 SUPER. La temperatura all’interno del notebook viene misurata con una termopila ad infrarossi che permette un controllo più efficiente della ventola.

La dotazione hardware comprende inoltre quattro porte USB (una Type-C e due Type-A), uscite HDMI e mini DisplayPort, jack audio da 3,5 millimetri, porta Ethernet, tastiera retroilluminata e batteria da 70,9 Wh che offre un’autonomia massima di 12,5 ore. Il notebook è in vendita da oggi ad un prezzo base di 999,99 dollari.

HP Pavilion Gaming 16

Chi vuole risparmiare può acquistare il nuovo HP Pavilion Gaming 16, il primo della serie con schermo da 16 pollici (full HD a 60 o 144 Hz). La dotazione hardware comprende i processori Intel Core di decima generazione (Come Lake), fino a 12 GB di RAM, SSD fino a 512 GB, hard disk da 1 TB e schede video NVIDIA GeForce GTX 1660 Ti o RTX 2060. Questo notebook sarà disponibile entro fine mese ad un prezzo base di 799,99 dollari.

HP Pavilion Gaming 16

Login

Password dimenticata?

Password dimenticata?

Inserisci i tuoi dati dell'account e ti invieremo un link per reimpostare la tua password.

Il link di reset della password sembra che sia invalido o scaduto.

Login

Privacy Policy

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.