Poco F2 Pro

Poco F2 Pro disponibile in Italia

Il Poco F2 Pro con schermo AMOLED da 6,67 pollici, processore Snapdragon 865, 6/8 GB di RAM e quattro fotocamere posteriori è in vendita ad un prezzo base di 499,90 euro.

Xiaomi ha annunciato al disponibilità in Italia del nuovo Poco F2 Pro, il gaming phone di fascia alta presentato a metà maggio. Lo smartphone è sostanzialmente la versione internazionale del Redmi K30 Pro, dal quale eredita design e specifiche. L’unica differenza è il supporto per le reti 4G/5G europee. Può essere acquistato sul sito ufficiale ad un prezzo base di 499,90 euro.

Poco F2 Pro: schermo AMOLED e quad camera

Il Poco F2 Pro ha uno schermo AMOLED da 6,67 pollici con risoluzione full HD+ (2400×1080 pixel) e supporto HDR10+. Non ci sono notch o fori nel vetro perché la fotocamera frontale da 20 megapixel è pop-up, quindi fuoriesce dal bordo superiore. La dotazione hardware comprende il processore octa core Snapdragon 865, 6/8 GB di RAM LPDDR4X/LPDDR5 e 128/256 GB di storage UFS 3.1.

Il sistema di raffreddamento a camera di vapore con strati di grafite e grafene (LiquidCool 2.0) copre il 28% del corpo e permette di ridurre la temperatura del processore di 14° C. Per le quattro fotocamere posteriori sono stati scelti sensori da 64, 13, 5 e 2 megapixel (standard, ultra grandangolare, tele-macro e profondità). Oltre alle varie funzionalità IA sono disponibili la registrazione video 8K a 24/30 fps e lo slow motion a 960 fps.

La connettività è garantita dai moduli WiFi 802.11ax (Wi-Fi 6), Bluetooth 5.1, GPS, Galileo, NFC, LTE e 5G SA/NSA (dual SIM). Sono inoltre presenti il lettore di impronte digitali laterale, la porta USB Type-C, il jack audio da 3,5 millimetri e il sensore ad infrarossi. La batteria da 4.700 mAh supporta la ricarica rapida da 30 Watt.

Il sistema operativo è Android 10 con interfaccia Poco UI. Quattro i colori: Cyber Grey, Electric Purple, Phantom White e Neon Blue. I prezzi sono 499,90 euro (6GB+128GB) e 699,90 euro (8GB+256GB).

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.