Redmi Note 9 Pro

Redmi Note 9 Pro e 9 Pro Max svelati in India

Redmi svela i nuovi Redmi Note 9 Pro e Pro Max, per ora in vendita dal 25 marzo per il mercato indiano.

Redmi, sottobrand di Xiaomi, ha presentato in India nella giornata di oggi la nuova famiglia Redmi Note 9, composta da Redmi Note 9 Pro e 9 Pro Max. Sono due modelli apparentemente identici, che si distinguono solamente da un maggior quantitativo di memoria Ram (4/6 GB contro 6/8 GB) e un comparto fotografico più evoluto nella versione Max.

Snapdragon 720G e 5.020 mAh di batteria

In comune i dispositivi dispongono del processore Qualcomm Snapdragon 720G, celato sotto lo schermo da 6,67 pollici Full Hd+ con foro centrale in cui è immersa la fotocamera anteriore. Entrambi disporranno di 64/128 GB di memoria, espandibile via micro Sd fino a 512 GB, mentre la batteria è di 5.020 mAh.

Redmi Note 9 Pro
Quattro fotocamere per entrambi i modelli.

Quattro fotocamere per la famiglia 9 Pro

Le fotocamere posteriori del 9 Pro sono quattro, la principale ha un sensore da 48 Mpixel con apertura F/1.79, una secondaria ultragrandangolare da 8 Mpixel, una terza per le foto macro da 5 Mpixel e una quarta da 2 Mpixel per il rilevamento della profondità di campo. L’unica differenza con la versione Max è la fotocamera principale, in questo caso da 64 Mpixel. Anche la fotocamera anteriore differisce nelle due versioni; nel primo modello il sensore è di 16 Mpixel, nella versione Max è di 32 Mpixel.

Redmi Note 9 Pro e 9 Pro Max disponibili in India dal 25 marzo

I dispositivi saranno venduti in India dal prossimo 25 marzo, il modello Redmi Note 9 Pro costerà 155 euro nel taglio 4/64 GB; 191 euro nella versione 6/64 GB. Per quanto riguarda invece Redmi Note 9 Pro Max, il taglio 6/64 GB costerà 179 euro, il modello 6/128 GB avrà un prezzo di 203 euro, per ultimo il taglio 8/128 GB da 227 euro.
Il Note 9 Pro Max dispone di protezione Corning Gorilla Glass 5 su entrambi i lati ed è disponibile nei colori Aurora Blue, Glacier White e Interstellar Black.

PCProfessionale © riproduzione riservata.