Redmi Note 9 Pro

Xiaomi lancerà un Redmi Note 9 con schermo da 120 Hz

Xiaomi dovrebbe annunciare tre nuovi smartphone della serie Redmi Note 9, uno dei quali con schermo da 6,67 pollici e refresh rate variabile tra 30 e 120 Hz.

Nelle ultime ore sono trapelate tre interessanti indiscrezioni che riguardano Xiaomi. Il produttore cinese avrebbe pianificato il lancio di tre nuovi modelli della serie Redmi Note 9, uno dei quali dovrebbe avere uno schermo da 120 Hz. Nel corso del 2021 sono inoltre previsti smartphone con ricarica rapida da 200 Watt e con processori Samsung Exynos.

Secondo Android Central, il nuovo Redmi Note 9 avrà uno schermo da 6,67 pollici, protetto dal Gorilla Glass 5, con risoluzione full HD+, come gli attuali Redmi Note 9S e Redmi Note 9 Pro. La principale differenza sarà rappresentata dalla frequenza di aggiornamento. Xiaomi avrebbe scelto un refresh rate variabile compreso tra 30 e 120 Hz. La tecnologia AdaptiveSync, introdotta per la prima volta con la serie Mi 10T (in questo caso il valore massimo è 144 Hz), consente di ridurre i consumi.

Xiaomi Mi 10 Ultra

Il nuovo smartphone dovrebbe anche avere una quad camera posteriore. Per la fotocamera principale si prevede un sensore Samsung ISOCELL HM2 da 108 megapixel. La fonte di Android Central afferma infine che la batteria avrà una capacità di 4.800 mAh e supporterà la ricarica rapida da 33 Watt.

Altre due novità sono attese nel 2021. Xiaomi avrebbe pianificato il lancio della prima tecnologia di ricarica al mondo da 200 Watt che consentirà di raggiungere il 100% in meno di 15 minuti. Una simile velocità dovrebbe causare un eccessivo degrado della batteria. Non è chiaro quali soluzioni verranno adottate per evitarlo.

Dalla Corea arriva invece l’indiscrezione secondo la quale Xiaomi potrebbe utilizzare i processori Samsung Exynos in alcuni smartphone di fascia media. Attualmente i due fornitori del produttore cinese sono Qualcomm e MediaTek. L’arrivo sul mercato è previsto nel primo semestre 2021.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.