Fitbit Sense

Fitbit Sense e Versa 3, Google Assistant e altre novità

Fitbit OS 5.1 per gli smartwatch Sense e Versa 3 include diverse novità, tra cui il supporto per Google Assistant e le risposte udibili di Amazon Alexa.

Come anticipato un mese fa, Fitbit ha annunciato l’arrivo di Google Assistant sugli smartwatch Sense e Versa 3. La versione 5.1 del sistema operativo introduce inoltre miglioramenti per le chiamate Bluetooth, le risposte di Alexa e la misurazione del livello di ossigeno nel sangue. L’aggiornamento verrà distribuito a partire dagli Stati Uniti.

Sense e Versa 3 supportano già Amazon Alexa. Con Fitbit OS 5.1 viene aggiunto anche il supporto per Google Assistant. L’utente può utilizzare i comandi vocali per avviare un allenamento, verificare le condizioni del tempo o impostare una sveglia solo con la pressione di un pulsante. La funzionalità è disponibile negli Stati Uniti. Entro fine anno arriverà in altri paesi di lingua inglese. Gli utenti italiani dovranno attendere l’inizio del 2021.

Fitbit Sense

Per quanto riguarda Alexa è invece possibile ricevere risposte udibili attraverso l’altoparlante degli smartwatch, oltre che sullo schermo. La stessa novità sarà disponibile per Google Assistant all’inizio del 2021. Gli utenti possono inoltre rispondere alle chiamate, usando microfono e altoparlante degli smartwatch. Su Android è possibile anche rispondere ai messaggi tramite comandi “voice-to-text”.

Fitbit Versa 3

Anche se Fitbit Sense e Versa 3 non sono dispositivi medici, gli utenti possono sfruttare la misurazione del livello di ossigeno nel sangue (SpO2) per rilevare eventuali problemi respiratori. I membri Premium possono effettuare il monitoraggio durante il sonno e in background, senza una specifica watch face (quadrante). Entro fine anno verranno comunque pubblicate sullo store nuove watch face, oltre a quella già disponibile.

Fitbit ha comunicato a fine settembre che le versioni 5.x del sistema operativo non verranno rilasciate per i precedenti smartwatch.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.