Oppo Watch

Oppo Watch con Wear OS arriva in Italia

Il nuovo Oppo Watch con schermo AMOLED, processore Snapdragon 3100 Wear, GPS e cardiofrequenzimetro sarà in vendita dopo l'estate 2020.

Il produttore cinese ha annunciato l’arrivo in Italia del nuovo Oppo Watch. Lo smartwatch ha un design poco originale (sembra un Apple Watch), ma è sicuramente uno dei migliori in termini di componenti hardware e funzionalità. A differenza della versione cinese, la versione internazionale è basata su Wear OS, il sistema operativo di Google noto in precedente come Android Wear.

Oppo Watch viene offerto in due varianti, ovvero con schermo AMOLED da 1,6 pollici (360×320 pixel, diametro di 41 millimetri) e da 1,9 pollici (476×402 pixel, diametro di 46 millimetri). Entrambi hanno una cassa in alluminio serie 6000 e un cinturino in gomma fluorurata (intercambiabile). La parte posteriore è in plastica per il modello da 41 millimetri e plastica + ceramica per il modello da 46 millimetri. L’orologio funziona anche in acqua fino a 50 metri di profondità (30 metri per la versione da 41 millimetri).

Oppo Watch

La dotazione hardware comprende il processore Snapdragon 3100 Wear, 1 GB di RAM, 8 GB di storage, moduli WiFi, Bluetooth, GPS e NFC. Grazie ai cinque sensori integrati (accelerometro, bussola, giroscopio, barometro e cardiofrequenzimetro), Oppo Watch può registrare vari parametri durante l’attività sportiva, i battiti cardiaci anche a riposo e la qualità del sonno. Tutti i dati vengono sincronizzati tramite l’app HeyTap Health che consente anche di cambiare il quadrante (watch face). Inoltre basta scattare una foto dei propri vestiti per generare un quadrante abbinato.

Le batterie hanno una capacità di 300 mAh (41 millimetri) e 460 mAh (46 millimetri). Entrambe supportano la ricarica rapida VOOC Flash Charge. Come detto, il sistema operativo installato è Wear OS, quindi sono presenti Google Play Store, Google Assistant, Google Pay e Google Fit. I due modelli saranno disponibili dopo l’estate 2020. I prezzi non sono stati comunicati. Probabile una cifra compresa tra 250 e 300 euro.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.