pokémon center londra

News

A Londra apre il primo negozio Pokémon Center d’Europa

Martina Pedretti | 18 Ottobre 2019

Flash news

Apre a Londra il primo Pokémon Center europeo: sarà aperto fino al 15 novembre 2019 a Westfield Dopo mesi di […]

Apre a Londra il primo Pokémon Center europeo: sarà aperto fino al 15 novembre 2019 a Westfield

Dopo mesi di teasing, The Pokémon Company ha finalmente aperto il primo Pokémon Center d’Europa a Londra il 18 ottobre 2019. Si tratta di uno shop temporaneo pronto ad accogliere milioni di fan dei mostri tascabili, pronti ad acquistare ogni tipo di gadget. Infatti fin dalle prime ore della giornata di apertura, si è creata una fila di ore, per accaparrarsi tutti i prodotti del Pokémon Center. Tra l’altro alcuni di questi sono esclusivi del negozio in questione, come alcuni pezzi di merchandise che riportano la mascotte dello shop londinese. Si tratta di London City Pikachu: il topo elettrico con tanto di bombetta e gilet.

Per promuovere l’uscita dell’ormai prossimo Pokémon Spada e Pokémon Scudo su Nintendo Switch, l’azienda ha scelto di aprire questo negozio. Al suo interno i visitatori potranno infatti giocare a una demo inedita dei videogiochi, prima dell’uscita mondiale fissata per il 15 novembre 2019. Purtroppo lo stesso giorno coincide anche con la chiusura del Pokémon Center temporaneo di Londra, anche se, visto il successo solo del primo giorno, non è da escludere un suo ritorno. Si tratta comunque della stessa demo presentata all’E3, durante la quale i giocatori hanno visto uno stralcio della regione di Galar.

Ma non è tutto.

Divertimento assicurato anche per i fan che giocano a Pokémon GO fuori dalle porte del negozio. Infatti il perimetro del Pokémon Center di Londra garantisce ai giocatori di trovare più frequentemente Pokémon con Psyduck, Vaporeon, Jolteon, Flaeon e Combee.

Il negozio Pokémon Center è situato presso il centro commerciale Westfield London, Ariel Way, Shepherd’s Bush W12 7GF, Regno Unito. Vi ricordiamo inoltre che gli unici negozi del genere esistono solamente in Giappone o a Singapore.

Orari di apertura del Pokémon Center dal 18 ottobre al 15 novembre 2019:

  • Dal lunedì al sabato dalle 10:00 alle 22:00
  • Domenica dalle 12:00 alle 18:00
facebook rimozione news usa

App

Meta potrebbe rimuovere tutte le news da Facebook USA

Martina Pedretti | 6 Dicembre 2022

Flash news

Meta potrebbe rimuovere tutte le news da Facebook negli USA se verrà approvato un disegno di legge per compensare gli editori

Le news potrebbero sparire da Facebook USA

Facebook avverte che potrebbe rimuovere tutte le news negli USA se il Congresso approvasse un disegno di legge che richiederebbe alla piattaforma di negoziare e compensare gli editori per i loro contenuti.

Andy Stone, responsabile delle comunicazioni politiche di Meta, ha dichiarato su Twitter che Facebook sarà costretto a prendere in considerazione la rimozione di notizie“. Questo se il Journalism Competition and Preservation Act (JCPA) verrà approvato. Meta in precedenza aveva minacciato di bloccare le notizie in Canada e in Australia quando vennero proposte leggi simili.

Introdotto lo scorso anno con il sostegno bipartisan, il JCPA consentirebbe agli editori di negoziare con piattaforme come Facebook e Google sulla distribuzione dei loro contenuti. La legge dovrebbe dare agli editori una leva contro Big Tech e questo potrebbe richiedere a Facebook di pagare per includere notizie sulla sua piattaforma.

Se il Congresso approva un disegno di legge sul giornalismo sconsiderato come parte della legislazione sulla sicurezza nazionale, saremo costretti a prendere in considerazione l’idea di rimuovere del tutto le notizie dalla nostra piattaforma piuttosto che sottometterci a negoziati imposti dal governo che ignorano ingiustamente qualsiasi valore che forniamo alle agenzie di stampa attraverso l’aumento del traffico e abbonamento. Il Journalism Competition and Preservation Act non riesce a riconoscere il fatto chiave: gli editori e le emittenti pubblicano i loro contenuti sulla nostra piattaforma perché avvantaggia i loro profitti, non il contrario”.

La commissione giudiziaria del Senato ha approvato a settembre la legge con 15 voti contro 7, ma deve ancora passare attraverso il Senato stesso. Facebook non è l’unica entità che si oppone al disegno di legge. Un totale di 26 organizzazioni, tra cui Public Knowledge e Electronic Frontier Foundation, hanno scritto una lettera ai legislatori per difendere il disegno di legge. Dall’altro lato, un’ampia alleanza di organizzazioni editoriali ha sostenuto il disegno di legge, inclusa la società madre di The Verge, Vox Media.

pokémon munch

News

Pokémon: arrivano le carte ispirate a L’Urlo di Munch

Martina Pedretti | 17 Ottobre 2018

Flash news

Pokémon Munch: arrivano in Giappone le carte da gioco Pokémon ispirate al pittore Munch e il suo quadro L’urlo. Ecco […]

Pokémon Munch: arrivano in Giappone le carte da gioco Pokémon ispirate al pittore Munch e il suo quadro L’urlo. Ecco quali sono i soggetti scelti per la collaborazione.

Pokémon Munch – Arrivano al Tokyo Metropolitan Museum le carte da gioco del franchise dei Pokémon ispirate al quadro di Munch, L’u3urlo. Il museo di Tokyo ospiterà un’esposizione di opere del pittore norvegese Edvard Munch, per l’occasione sono state realizzate delle tavole a tema Pokémon.

Il franchise vanta tante collaborazioni di svariato tipo, ma ogni volta che la storia dell’arte incontra i Pokémon, il risultato è davvero strabiliante.

Il museo ha organizzato un evento promozionale in collaborazione con il Gioco di Carte Collezionabili Pokémon, dando vita a una serie di carte ispirate al famoso uomo che urla sul sentiero in salita sulla collina di Ekberg, sopra Oslo. Questo è il quadro più famoso dell’artista quindi è ottimale la scelta di riproporlo in chiave meno drammatica e più colorata, con l’aiuto dei Pokémon.

Le carte saranno messe in commercio a partire dal giorno 27 ottobre nei paesi orientali, non è ancora stato rivelato se arriveranno anche in Europa e negli Stati Uniti d’America.

Ecco quindi i sei pocket monster che mostrano il loro volto in stile Munch per l’occasione.

Pokémon Munch Pikachu ed Eevee

I due soggetti principali sono Pikachu ed Eevee, scelti dal franchise come protagonista dei due titoli in uscita a novembre per Nintendo Switch: Pokémon Let’s Go, Eevee! e Let’s Go, Pikachu!

Pokémon Munch Rowlet

Insieme ai due Pokémon precedenti, ecco anche lo starter erba di settima generazione Rowlet.

Pokémon Munch Psyduck

Non poteva mancare lo storico papero acquatico pasticcione di prima generazione Psyduck. Alle sue spalle compaiono anche un paio di ombre familiari: Hunter e Gengar.

Pokémon Munch Mimikyu

Ultimo ma non ultimo l’immancabile mascotte di tipo spettro amata da tutto il mondo: Mimikyu, il piccolo mostriciattolo coperto interamente da un pupazzo di Pikachu.

E voi che ne pensate, vi piacciono? Sperate anche voi che sbarchino presto anche in altri paesi oltre alla Terra del Sol Levante?

 

 

Twitter pronta a cancellare 1,5 miliardi di account: i motivi

News

Twitter pronta a cancellare 1,5 miliardi di account: i motivi

Andrea Sanna | 9 Dicembre 2022

Twitter

Elon Musk avverte gli utenti: Twitter è pronta a cancellare la bellezza di 1,5 miliardi di account. Ma per quale motivo? Scopriamolo

Twitter cancella miliardi di account

Elon Musk si prepara a una vera e propria rivoluzione su Twitter. Ad annunciarlo è stato lui stesso mediante la pagina ufficiale, dove non manca occasione di dare notizie agli utenti, tra le più disparate. Una di queste riguarda gli aggiornamenti e 1,5 miliardi di account. Ebbene perché pare stia pensando di cancellare questi profili. Ma quali sono i motivi? Andiamo passo passo.

Per prima cosa nelle scorse ore su Twitter Elon Musk ha fatto sapere che la piattaforma darà modo a ogni utente di poter scoprire il proprio stato di account e dunque se si è stati o meno bannati. In caso dovesse verificarsi la seconda opzione c’è la possibilità di fare ricorso. Ma leggiamo quanto “cinguettato” da Musk sul proprio social ufficiale:

“Twitter sta lavorando a un aggiornamento software che mostrerà il vero stato del tuo account, così saprai chiaramente se sei stato bannato, il motivo e come fare ricorso”, ha scritto. E come dicevamo non è di certo finita qui.

A seguire l’annuncio dell’imprenditore, che ha fatto sapere come numerosi account saranno cancellati: “Twitter inizierà presto a liberare lo spazio dei nomi di 1,5 miliardi di account. Queste sono ovvie cancellazioni di account senza tweet e senza accesso per anni”.

E pensate che tra gli account presi di mira potrebbe esserci persino un nome illustre. Ovvero quello di Taylor Swift. La cantautrice statunitense non è molto attiva sulla piattaforma e l’ultimo post risale a novembre. Pensate che lo scorso aprile proprio il capo di Tesla aveva accusato la cantante in un tweet, che vanta oltre 92 milioni di follower, di essere “dormiente” su Twitter e dunque di non contribuire alle varie interazioni social.

Vedremo però se Taylor Swift sarà l’unica a rischiare la cancellazione dell’account o se ci saranno altre figure di spicco!

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.