Contrariamente a quanto riportavano i rumors delle settimane scorse, il Ces 2018 non è stato il palco adatto per i nuovi smartphone Samsung, che vedremo probabilmente al Mwc di Barcellona.

Samsung ha invece approfittato della kermesse di Las Vegas per illustrare la strategia per l’offerta IoT, i cui piani prevedono entro il 2020 di distribuire i propri prodotti IoT ready. L’obiettivo è di coadiuvare tutta la tecnologia disponibile, tra cui Samsung Connect, Smart Home e Smart View in un’unica app: SmarThings.

SmartThings sarà quindi in grado di gestire qualsiasi prodotto dell’ecosistema IoT dal telefono o da qualsiasi dispositivo a disposizione dell’utente, a partire da questa primavera. Anche Bixby avrà un ruolo fondamentale per rendere possibili i piani della casa coreana, che presto potrà assistere l’utente anche nella gestione dei frigoriferi Family Hub e le Smart Tv. Non solo opzioni per la casa, l’offerta IoT coinvolgerà anche il mondo business e mobile, grazie alle Reti 5G, per cui l’azienda sta concentrando i propri sforzi per un passaggio sempre più veloce.

Tra le altre novità rilevanti mostrate da Samsung a Las Vegas nel corso del keynote tenutosi nelle scorse ore, anche uno schermo battezzato “The Wall“. Il motivo per cui il display è stato nominato così è perché si tratta del primo Tv MicroLed modulare al mondo da 146 pollici.

Pensato per l’ambito consumer, lo schermo è dotato di tecnologia Ai e riproduce contenuti a 8K; sarà lanciato nella seconda metà del 2018 a partire da Corea del Sud e Stati Uniti, prezzo da definire.

Tra i vari produttori, quest’anno Las Vegas è sempre più orientato agli ecosistemi IoT, l’obiettivo di Samsung è quello di fornire agli utenti soluzioni compatibili tra loro, scoraggiando invece un sistema frammentato di brand diversi.
Riuscirà nel suo intento da qui al 2020?

CONDIVIDI
Classe '87, amante della tecnologia e della fotografia.