Apple iOS

iPhone, nuovo jailbreak stabile per la versione più recente di iOS

Il team di Unc0ver ha realizzato un nuovo jailbreak per iOS, sistema operativo mobile di Apple particolarmente votato alla sicurezza. Una patch potrebbe già essere in arrivo.

iOS è un sistema operativo mobile particolarmente prono ai bug e ai jailbreak, prova ne sia l’ennesima tecnica di sblocco recentemente concepita dal team Unc0ver. Il nuovo jailbreak funziona anche sulle versioni più recenti del sistema Apple, ed è a quanto pare particolarmente efficiente nel non “rompere” il normale funzionamento dell’iPhone.

Il jailbreak di Unc0ver si può scaricare dagli store di app non ufficiali come AltStore e Cydia, è stabile e non impatta negativamente sulla durata della batteria del dispositivo. Un jailbreak trasparente, che non interferisce con l’uso dei servizi ufficiali di Apple (Pay, iCloud, iMessage) e non mette a rischio (a dire dei creatori) la sicurezza a base di sandbox di iOS.

iPhone rotto

La nuova tecnica di sblocco di Unc0ver funziona sulle versioni di iOS più recenti (11-13.5), ed è il primo jailbreak basato su una falla zero-day che si vede in questi ultimi anni. Stando agli esperti di sicurezza, Apple non dovrebbe metterci più di due, tre settimane per chiudere il baco nel kernel di iOS che permette il jailbreak.

In attesa della prevedibile patch per iOS, la sicurezza di Cupertino fa un po’ acqua da tutte le parti in quest’ultimo periodo: iOS 14, la prossima release del sistema operativo mobile attualmente in sviluppo, sarebbe nelle mani di hacker e ricercatori già dallo scorso febbraio. Giusto il tempo necessario a individuare nuove (future) falle a uso jailbreak.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.