Logo Apple

Apple: nessuna prova di attacchi hacker contro iOS

Apple ha ufficialmente risposto alla ricerca di ZecOps sulle falle nella app Mail di iOS: non c’è alcuna prova di attacchi hacker in corso, dice Cupertino.

I ricercatori di ZecOps hanno recentemente evidenziato l’esistenza di gravi falle di sicurezza in tutte le versioni di iOS uscite dal 2012 in poi, un problema che sarebbe per di più già attivamente sfruttato dai cyber-criminali per condurre attacchi mirati contro soggetti di alto profilo. Tutto falso o quasi, ribatte ora Apple.

Secondo quanto dichiarato da Cupertino, infatti, i bug scoperti da ZecOps non rappresenterebbero un rischio immediato per gli utenti di gadget iOS. Apple ha ammesso l’esistenza delle falle, ma dopo un “attento studio” del report pubblicato nei giorni scorsi ha concluso che i bug non sono sufficienti a “bypassare le protezioni di sicurezza di iPhone e iPad”.

Apple iOS

Non esiste prova concreta del fatto che i criminali stiano sfruttando attivamente i bug contro bersagli di alto profilo, ha detto ancora Apple. Dal canto suo, ZecOps ribadisce la validità delle sue ricerche e rimarca l’evidenza di attacchi mirati già in corso.

Apple si è costruita un’immagine di produttrice di gadget mobile particolarmente validi sul fronte della sicurezza – diversamente dalla concorrenza di Google e Android. E’ quindi interesse di Cupertino controbattere a ogni accusa che vada in senso opposto, e non è certo la prima volta. Già a settembre 2019, Apple contestò il lavoro dei ricercatori di Google (Project Zero) parlando di paure infondate per le vulnerabilità di iPhone.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.