DOOM

SIGIL, il nuovo episodio gratuito di DOOM è disponibile on-line

John Romero ha finalmente distribuito l’atteso nuovo capitolo “ufficiale” di DOOM, storico FPS degli anni ’90 ancora sulla cresta dell’onda grazie a sequel e remake senza fine. SIGIL è però un’esperienza dedicata ai giocatori della “vecchia scuola”.

L’anno scorso, in occasione del venticinquesimo anniversario di DOOM, John Romero aveva annunciato la realizzazione di un episodio tutto nuovo per lo sparatutto in prima persona (FPS) che ha fatto la storia e imposto uno dei personaggi più iconici dell’immaginario videoludico collettivo. SIGIL, questo il nome del nuovo episodio, arriva finalmente on-line e può essere scaricato gratuitamente da chiunque – a patto di possedere la versione “definitiva” del gioco originale.

Romero è uno degli “autori” più titolati a lavorare ancora su DOOM, visto che ha progettato in prima persona il gioco e ha co-fondato id Software assieme a John Carmack. SIGIL è un “megawad” realizzato più o meno all’interno dei parametri dell’engine originale, con 18 nuovi livelli (9 in single-player e 9 in multiplayer) e un uso esteso di texture, mostri e asset già presenti nei wad storici.

DOOM - SIGIL

Il download ufficiale di SIGIL (dal peso nientemeno che di 3,1 megabyte) arriva con qualche mese di ritardo rispetto ai tempi previsti (febbraio) a causa dei problemi di produzione delle versioni in scatola dell’espansione (ampiamente esaurite da tempo), ed è disponibile anche a pagamento (al prezzo demoniaco di €6,66) assieme alla nuova colonna sonora integrata.

Oltre a una certa dimestichezza con il gameplay risalente agli anni ‘90, i due requisiti praticamente indispensabili per godersi al meglio il nuovo episodio dell’FPS che ha cambiato la storia dei videogiochi sono la disponibilità della versione completa di DOOM (acquistabile sugli store digitali a pochi euro) e l’uso di un port moderno dell’engine di gioco come GZDoom.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.