Google Chrome logo

Google Chrome 83, novità per privacy e sicurezza

Google Chrome 83 per desktop include diverse novità relative alla privacy e alla sicurezza, tra cui migliori controlli per i cookie e una protezione avanzata durante la navigazione.

Google ha annunciato Chrome 83 per Windows, mac OS, Linux, Android e iOS. La versione desktop del popolare browser include nuovi controlli per la privacy e la sicurezza, oltre a due importanti novità che proteggono l’utente durante la navigazione. Le estensioni sono ora accessibili facilmente tramite una nuova icona a forma di puzzle nella barra degli strumenti.

Google ha innanzitutto semplificato la gestione dei cookie, consentendo all’utente di scegliere se bloccarli per tutti i siti o solo su alcuni, sia in modalità di navigazione normale che nella modalità in incognito. In Chrome 83 sono state create due sezioni distinte per le impostazioni relative ai siti, come accesso alla posizione, fotocamera e microfono, notifiche e attività recenti.

In cima alle impostazioni del browser è presente la sezione “Tu e Google” (ex Persone) con i controlli che permettono di scegliere i dati da sincronizzare con gli altri dispositivi. L’opzione “Cancella dati di navigazione” è stata spostata nella parte superiore della sezione Privacy e sicurezza.

Nelle impostazioni è ora disponibile il Safety Check (Controllo di sicurezza). Il tool consente di verificare se la password è stata compromessa, se il browser è aggiornato e se sono installare estensioni pericolose da eliminare. Inoltre viene mostrato un avviso se il servizio Safe Browsing (Navigazione sicura) è disattivato. Per garantire una maggiore protezione durante la navigazione in incognito, Chrome bloccherà anche i cookie di terze parti in ogni sessione.

Altre due novità relative alla sicurezza sono Enhanced Safe Browsing Protection e Secure DNS. La prima funzionalità controlla preventivamente se le pagine e i download sono pericolosi, sfruttando il servizio Safe Browsing. La seconda funzionalità (che verrà attivata in maniera graduale) è l’implementazione di Google del protocollo DNS-over-HTTPS. La risoluzione dei nomi di dominio viene effettuata in forma cifrata tramite un provider DNS sicuro. L’utente può impostare anche un provider personalizzato, ad esempio Cloudflare.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.