Linux

Programmi Windows dentro Linux

Redazione | 17 Ottobre 2008

Linux

In un precedente articolo abbiamo visto come si possa usare il browser Microsoft Internet Explorer con Linux. Se ciò è […]

WineIn un precedente articolo abbiamo visto come si possa usare il browser Microsoft Internet Explorer con Linux. Se ciò è possibile lo dobbiamo a Wine, uno strumento software molto interessante che consente l’esecuzione di programmi realizzati per Windows senza aver bisogno di Windows stesso.

Il suo nome è un acronimo e sta per Wine Is Not an Emulator, Wine non è un emulatore. Le chiamate di sistema di Windows sono state completamente riscritte e il suo funzionamento è tale che i programmi non si accorgono di stare girando su un sistema diverso.

L’idea è semplice, ma la realizzazione è molto complessa: il più importante impedimento è che Microsoft non ha documentato nel dettaglio tutte le funzioni base del suo sistema operativo. Gli sviluppatori di Wine hanno quindi dovuto procedere per tentativi cercando di capirne la logica senza ricorrere alla pratica del reverse engineering (non consentita dalla legge).Firefox per Windows su Linux

Il lavoro dura da quasi quindici anni: di recente è stata rilasciata la versione 1.0, ma lo sviluppo procede speditamente sulla versione di test 1.1.

I programmi che si riescono a far girare senza problemi sono molti. Sul sito

https://appdb.winehq.org/

è presente un database di tutti i software che sono stati provati con Wine. Di ognuno è segnalata la compatibilità  secondo uno schema a cinque livelli come segue:

Platinum  si installa e funziona senza problemi
Gold      necessita di una configurazione ad-hoc
Silver    usabile ma con qualche problema
Bronze    grossi problemi di funzionamento
Garbage   non funziona

Per ogni software è presentata una storia dei test effettuati ed i suggerimenti su eventuali configurazioni specifiche.

Sono segnalati come Platinum, quindi perfettamente funzionanti, importanti pacchetti come Microsoft Office 2003 e Adobe Creative Suite, ma anche giochi (non recentissimi) come Call of Duty 2 e Star Wars Jedi Knight: Jedi Academy. Consigliamo di visitare sempre il sito AppDB per verificare eventuali problemi e trovare possibili soluzioni.

Installazione di WineSu Ubuntu potete installare Wine scegliendo Aggiungi/Rimuovi dal menu Applicazioni. Nella casella di ricerca digitate wine: il pacchetto da selezionare è il primo della lista, denominato Wine Windows Emulator. Il programma crea un sottomenu in Applicazioni, all’interno del quale tra le altre cose troverete una utility per la sua configurazione (Wine configuration) e un tool per disinstallare il software.

Menu Programmi di Wine

Lo strumento di configurazione di Wine è utile per modificare alcuni parametri che sovente risolvono piccoli problemi di compatibilità . Alcuni software ad esempio funzionano meglio se viene attivata l’emulazione di un desktop virtuale: nella scheda Graphics, selezionate Emula un desktop virtuale e scegliete una risoluzione adatta (ad esempio 1024×768). Altri vanno solo se credono di girare su una specifica versione di Windows piuttosto che su un’altra: nella scheda Applications potete decidere per ogni software quale versione emulare (in basso nel campo Versione di).

Con lo stesso strumento di configurazione potete mappare una cartella del vostro disco in modo che le applicazioni di Windows lo vedano come un drive con tanto di lettera: la sceglierete nella scheda Drive.

Per installare un software è sufficiente che facciate doppio clic sul file di setup: da quando Wine è presente sul sistema ogni file con estensione .exe (quella dei programmi di Windows) viene associata con esso.

Man mano che si procede con l’installazione di nuovi programmi per Windows, Wine aggiunge una voce sotto Programmi nel menu Wine.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.