La sfida di Apple ad Office: iWork e iLife gratuiti su Mac e iOS7

iWorkTra le novità  degli annunci Apple a San Francisco ci sono anche le nuove versioni della suite iWork(con le app Pages, Numbers e Keynote) e della suite iLife (iPhoto, iMovie e GarageBand)  riprogettate per sfruttare le nuove funzionalità  di OS X Mavericks e di iOS 7. Le app sono state aggiornate a 64 bit e offrono integrazione con iCloud più centinaia di altre nuove funzioni, ma soprattutto Apple ha annunciato che d’ora in poi le suite iWork e iLife saranno incluse gratuitamente con l’acquisto dei nuovi Mac o dispositivi iOS. Una svolta storica, creata su misura per fare concorrenza a Microsoft e alla suite Office che viene data inclusa nei nuovi tablet Surface con Windows 8.

Per quanto riguarda iWork per Mac e iOS viene introdotto un nuovo formato di file unificato che garantisce la fedeltà  del documento attraverso Mac, iOS e iCloud, mentre la versione beta di iWork per iCloud include ora il supporto alla collaborazione in tempo reale. Ciò significa che gli utenti possono creare un documento sull’iPad, modificarlo sul Mac e collaborare con altre persone in iWork per iCloud anche se usano un PC. Inoltre grazie alla nuova interfaccia utente, iWork è ancora più facile da usare.

iPhoto per Mac e iOS sono ora a 64 bit e quindi più veloci e intuitivi nell’eseguire le modifiche alle immagini. iPhoto per iOS si ispira al nuovo sistema operativo iOS 7 come design, reso più semplice e ordinato, e contiene anche nuovi strumenti che danno un tocco in più alle immagini sia a colori sia in bianco e nero. Anche il nuovo iMovie per Mac e iOS 7 rende più facile sfogliare la propria libreria video e condividere con altri i clip video realizzati; nuovi strumenti di editing migliorano l’aspetto dei filmati, aggiungendo effetti divertenti (come lo schermo diviso e picture-inpicture) e rallentando o accelerando i video. E con iMovie Theater, tutti i clip, i filmati e i trailer condivisi appaiono su tutti i dispositivi Apple dell’utente, Apple TV compresa. GarageBand per Mac è tra le app quella più profondamente modificata con l’ultimo aggiornamento: la app offre una nuova libreria di suoni e funzioni come Drummer e Smart controls per comporre facilmente una canzone da hit parade. La versione per iOS di GarageBand sfrutta la potenza dei 64 bit per offrire ai musicisti uno studio di registrazione completo con 32 tracce.

Grazie alla funzione Inter-App Audio di iOS 7, è possibile registrare da app musicali di altri produttori direttamente in GarageBand, mentre AirDrop consente agli utenti di condividere in wireless i progetti e le sessioni audio con altri utenti iOS, che potranno dare il proprio contributo. iCloud poi aggiorna tutti i progetti sui dispositivi dell’utente, che potrà  così iniziare a comporre un brano in iOS e completarlo in GarageBand per Mac.

Le suite  iWork e iLife per Mac sono incluse gratuitamente su tutti i nuovi Mac; gli utenti del sistema operativo Mavericks possono aggiornare gratuitamente le app dal Mac  App Store; le versioni delle suite per iOS 7 sono disponibili gratuitamente nell’App Store o come aggiornamenti gratuiti.

GarageBand per Mac e iOS è gratuito per tutti gli utenti di OS X Mavericks e iOS 7. Gli strumenti e i suoni aggiuntivi per GarageBand sono disponibili come acquisto in-app una tantum al costo di 4,49 euro per ciascuna piattaforma.

PCProfessionale © riproduzione riservata.