Pixelmator Pro per Mac è qui

Uno strumento per l'editing grafico e fotografico completamente nuovo e capace di sfruttare la potenza di calcolo della Gpu e la tecnologia Apple Metal 2.

Se siete appassionati di ritocco fotografico e tutto ciò che ruota attorno alla creatività visiva, da oggi avete uno strumento in più che potete aggiungere alla vostra cassetta degli attrezzi. Da poche ore, infatti, è disponibile Pixelmator Pro sviluppato dal Pixelmator Team. Qui vi proponiamo una rapida anteprima delle caratteristiche salienti, rimandandovi a una prova approfondita di questo nuovo software dopo aver avuto il tempo di provare a fondo tutte le sue potenzialità.

Pixelmator Pro
Un particolare della nuova interfaccia grafica che mette l’accento sul progetto ed elimina le distrazioni dei pannello flottanti per gli strumenti.

Pixelmator Pro prende ispirazione dall’originale Pixelmator, che nel corso del tempo ha riscosso moltissimo successo, e dopo uno sviluppo cominciato cinque anni fa si proietta verso il futuro con un design completamente rivisto e un pacchetto di funzionalità non solo ampliato nel numero degli strumenti, ma anche nella loro potenza di elaborazione. Pixelmator Pro è un prodotto completamente nuovo e separato dall’originale Pixelmator chge continuerà a esistere e a essere supportato e venduto ancora per diverso tempo sia sulla piattaforma Mac sia su quella iOS.
Sebbene sia un prodotto completo nelle funzioni che integra, la storia di Pixelmator Pro è solo all’inizio. Il team di sviluppo non ha spuntato tutte le voci relative alle funzioni da integrare in questo prodotto; vi citiamo solo alcune delle funzioni che arriveranno in futuro: preparazione delle immagini per il web, sofisticati strumenti per la manipolazione del testo, un editor vettoriale dedicato e Pixelmator Pro per iPad e più in generale per i dispositivi iOS.

Pixelmator Pro
La colonna di sinistra è dedicata alla gestione dei livelli, mentre quella di destra raccoglie i pannelli per la gestione e la selezione degli strumenti di lavoro.

Per quanto riguarda il design, Pixelmator Pro propone uno spazio di lavoro a singola finestra, abbandonando così i pannelli flottanti degli strumenti tipici di Pixelmator classico; grazie al nuovo design il flusso di lavoro rimane sempre focalizzato sul progetto o l’immagine, riducendo al minimo il disturbo dell’interfaccia grafica. Il motore di elaborazione è stato ricostruito dalle fondamenta per offrire un editing non distruttivo che ora è in grado di sfruttare la potenza di calcolo della Gpu per accelerare tutte le operazioni di modifica delle immagini, applicazione di effetti, correzione dei colori e tanto altro ancora.

Pixelmator Pro
Il motore grafico alla base di Pixelmator Pro sfrutta la potenza di calcolo della Gpu e si appoggia anche alla tecnologia Apple Metal 2.

Pixelmator Pro aggiunge la possibilità di definire stili per i livelli, così come di salvare e condividere profili personalizzati per gli effetti. Come il suo predecessore, Pixelmator Pro supporta le princiapli funzioni integrate nell’interfaccia macOS come la modalità Full Screen e quella Split View, l’intergrazione con iCloud per lo storage e lo storico delle versioni delle modifiche e dei file. Pixelmator Pro è in grado di gestire file RAW e il recente formato HEIF introdotto da Apple. Come spesso accade anche per altri prodotti software, Pixelmator Pro è in grado di aprire ed elaborare i file generati da Pixelmator, ma non vale il viceversa.

La colonna di sinistra dell’interfaccia è dedicato alla gestione dei livelli, mentre la colonna di destra raccoglie i panelli di selezione e controllo degli stumenti di lavoro. Entrambi i pannelli sono traslucidi e quando allargate l’immagine con uno zoom, saranno visibili sia gli strumenti sia l’immagine in trasparenza.

Un’altra funzione introdotta con Pixelmator Pro è quella denominata painting; grazie all’utilizzo della tecnologia Metal 2 di Apple offre elevate prestazioni negli effetti di disegno e pittura con centinaia di tipi di pennelli che simulano stili di pittura molto diversi tra loro. La scelta di supportare le tipologie di pennelli Adobe Photoshop sarà molto apprezzata dagli utenti Photoshop che desiderano provare Pixelmator Pro o passare completamente a questo nuovo strumento.
Se non avete mai provato Pixelmator o se preferite provare il nuovo Pixelmator Pro piuttosto che procedere ad acquistarlo ad occhi chiusi potete scaricare la versione di prova che vi permetterà di testare la nuova applicazione così come tutte le sue funzioni per un periodo di 30 giorni. Scaricate la versione di prova a questo link.
Al momento Pixelmator Pro ha un costo di 64,99 euro sull’App Store del Mac, ma stando alle dichiarazioni dell’azienda questo è un prezzo promozionale e l’applicazione sarà portata presto a un prezzo superiore ai 100 euro (99,99 dollari contro gli attuali 59,99). Il costo è decisamente più alto rispetto ai 16,99 euro che è necessario spendere per la versione originale di Pixelmator.

PCProfessionale © riproduzione riservata.