Software

BudgetUp il servizio web per controllare le spese

Redazione | 10 Ottobre 2014

Servizi Web

Gestire il budget personale, o quello di una famiglia, non è semplice: il denaro sparisce attraverso mille rivoli, ed è […]

Gestire il budget personale, o quello di una famiglia, non è semplice: il denaro sparisce attraverso mille rivoli, ed è difficile avere sempre un quadro chiaro delle spese effettuate e, soprattutto, di quelle che dovranno probabilmente essere sostenute nel prossimo futuro.

Alcuni servizi di online banking offrono strumenti di analisi anche molto avanzati, ma non sono accessibili a tutti e spesso sono disponibili solo a pagamento. Internet offre varie alternative gratuite: per esempio, grande successo ha riscosso Mint, ma purtroppo attualmente non è utilizzabile dall’Italia.

Nel nostro Paese, invece, è stato sviluppato BudgetUp (https://budgetup.com), un progetto più semplice ma con molte frecce al suo arco. Questo servizio è disponibile da diversi anni e si è dimostrato piuttosto stabile nel corso del tempo, anche se lo sviluppo e l’aggiunta di nuove funzioni sono piuttosto lenti. In ogni caso, allo stato attuale BudgetUp è perfettamente usabile. L’impostazione potrebbe non piacere a chi ama l’automazione, ma la filosofia di fondo è sicuramente apprezzabile: tutti i movimenti, le spese e le entrate devono essere inserite a mano nell’interfaccia del servizio.

Se questo da un lato semplifica l’implementazione da parte degli sviluppatori, ma dall’altro garantisce la sicurezza degli utenti, che sono riconoscibili unicamente tramite l’indirizzo di posta elettronica utilizzato durante la fase di registrazione.

 

budgetup 02

Un’eventuale violazione dell’account non permette quindi di risalire ai dettagli relativi al conto corrente o alla carta di credito, ma svela soltanto informazioni di tipo statistico sulle spese effettuate e sulle entrate di denaro. BudgetUp è molto semplice da utilizzare: per iscriversi basta inserire un indirizzo di posta elettronica e una password, dopodiché si raggiunge la pagina principale del servizio, chiamata Dashboard.

budgetup 01

L’organizzazione è molto semplice, e non prevede strutture contabili difficili da comprendere per i non addetti ai lavori, come la partita doppia: basta creare uno o più conti (con questo nome non si identificano solo i conti correnti, ma anche le carte di credito e debito o il denaro contante) e specificare il saldo iniziale disponibile, aggiungendo una nuova operazione in entrata.

[symple_box color=”yellow” text_align=”left” width=”100%” float=”none”]

Le alternative a BudgetUp

I servizi indipendenti per la gestione delle finanze personali non sono moltissimi, specialmente in Italia: in alcuni casi, le loro funzioni sono offerte direttamente dai portali delle banche, ma in quanto a potenza ed efficacia variano parecchio.

Segnaliamo quindi un interessante strumento di origine statunitense, che può però essere molto utile in contesti particolari: Buxfer (www.buxfer.com), un servizio per molti versi simile a BudgetUp (anche se pensato in particolare per la realtà  Usa), che offre però una utilissima funzione di gestione condivisa delle spese e delle entrate: è ideale per tenere sotto controllo debiti e crediti durante un viaggio oppure quando si condivide l’affitto di un appartamento, anche creando e gestendo una cassa comune.

[/symple_box]

➜ Continua a leggere: la prova di BudgetUp

< Indietro Successivo >

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.