Twitter

Twitter, nuova opzione per le risposte ai tweet

Twitter ha introdotto una nuova funzionalità che permette agli utenti di specificare le persone che possono rispondere ad un messaggio.

Era stata annunciata per errore il 6 agosto attraverso le note di rilascio dell’app iOS (invece era ancora in test), ma ora la nuova funzionalità di Twitter è disponibile per tutti. Gli utenti possono scegliere di limitare le risposte ad un determinato gruppo di persone, evitando quindi agli estranei di partecipare alla conversazione.

Prima di pubblicare un tweet è possibile scegliere tre opzioni: tutti (impostazione predefinita), solo le persone seguite o solo le persone menzionate. La scelta viene effettuata toccando l’icona del mappamondo visibile nell’angolo inferiore sinistro del messaggio. Una scritta esplicativa indica il tipo di scelta. Le persone che non possono rispondere al tweet vedranno un’icona delle risposte di colore grigio.

È comunque possibile visualizzare il tweet, mettere un like, condividerlo ed effettuare un retweet (con o senza commento). Se l’utente scegliere la terza opzione senza menzionare altre persone non riceverà nessuna risposta. In pratica è un modo per pubblicare un avviso.

Durante il periodo di test, iniziato a maggio, Twitter ha notato una diminuzione dello spam e delle risposte indesiderate. La nuova funzionalità permette di avviare conversazioni su diversi argomenti e un gruppo limitato di persone, senza essere infastiditi da estranei o troll (non è più necessario bloccarli, visto che non possono rispondere). Chi vuole esprimere una sua opinione può sempre sfruttare il retweet con commento.

Twitter apporterà ulteriori miglioramenti in futuro. Ad esempio sarà più facile trovare l’intera discussione tramite i retweet con commento, mentre un’etichetta evidenzierà l’uso della funzionalità. Nei prossimi mesi verrà aggiunta un’opzione che permette di aggiungere altre persone dopo l’inizio della conversazione.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.