Logo Star Citizen

Star Citizen, il vaporware videoludico dallo sviluppo senza fine

Chris Roberts commenta lo stato dei lavori sul suo ultimo progetto costantemente incompiuto: Star Citizen, e la campagna single-player Squadron 42, sono ancora lontani dall’entrare nello stato di beta.

Star Citizen è un progetto videoludico monumentale, un simulatore spaziale con un universo “permanente” online (almeno finché non spegneranno i server) e una campagna single-player chiamata Squadron 42 che risulta in sviluppo da ben 8 anni. Chris Roberts, il leggendario designer di Wing Commander, continua a raccogliere milioni dai supporter ma conferma: Star Citizen e Squadron 42 usciranno solo quando saranno pronti. Cioè molto, molto in là nel futuro.

Roberts ha confermato ancora una volta lo stato del suo vaporware videoludico in un recente messaggio inviato alla community, dicendo senza mezzi termini che sia l’universo MMO di Star Citizen che la campagna Squadron 42 non hanno ancora raggiunto un livello di maturità sufficiente a entrare in stato di beta.

Il progetto Star Citizen ha fin qui raccolto centinaia di milioni di dollari, e stando alle parole di Roberts centinaia di sviluppatori sono costantemente impegnati a migliorare la tecnologia e ad aggiungere nuovi contenuti. L’ultima, concreta manifestazione del fatto che Squadron 42 non è una truffa epocale è arrivata due anni fa, con un video in grafica di sintesi e un cast Hollywoodiano a dir poco stellare.

Roberts ha fatto parziale mea culpa sul modo in cui il suo studio Cloud Imperium Games (CIG) ha fin qui rilasciato aggiornamenti alla community sullo sviluppo in corso. Squadron 42 è progetto “complicato” da comunicare senza rovinare la sorpresa dell’esperienza e la storia, sostiene il designer, e sia lui che i suoi collaboratori stanno lavorando duramente per il completamento del prodotto. Il vaporware dei simulatori spaziali next-gen arriverà sul mercato “solo quando è pronto”.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.