Windows

Come ottenere le funzioni di Windows 10 in Windows 8

Dario Orlandi | 10 Marzo 2016

Windows

Senza installare l’ultima versione del sistema operativo Microsoft Windows 10 è possibile ottenere le stesse funzionalità  con strumenti terze parti. […]

Senza installare l’ultima versione del sistema operativo Microsoft Windows 10 è possibile ottenere le stesse funzionalità  con strumenti terze parti.

Windows 10 ha corretto vari problemi evidenziati dal suo predecessore, ma ne ha introdotti di nuovi; non è però necessario effettuare l’upgrade per potersi godere le nuove funzioni: gran parte di esse, infatti, sono disponibili anche tramite applicazioni e strumenti di terze parti. Ecco quali solo le principali.

Menu Start

Come abbiamo già  accennato, chi preferisce l’impostazione del menu Start di Windows 7 può ripristinarla anche in 8 e in 10 scaricando e installando l’ottimo Classic Shell (www.classicshell.net); se invece si predilige un aspetto più attuale e vicino all’interfaccia modern di Windows 8, un’ottima soluzione è Start Menu Reviver, anch’esso gratuito e scaricabile dal sito Web www.reviversoft.com/it/start-menu-reviver.

App in finestra

In Windows 10 tutte le applicazioni vivono all’interno del desktop, e possono essere ridimensionate a piacere; Windows 8, invece, aveva un’impostazione opposta: le App modern erano visualizzate a tutto schermo, e il desktop era trattato come un’App. Esistono però software capaci di trasformare in finestre anche le App di Windows 8: una delle migliori è ModernMix di Stardock (www.stardock.com/products/modernmix), un software commerciale ma venduto a un prezzo abbordabile (4,99 dollari Usa), che può essere testato prima dell’acquisto grazie alla formula trial a 30 giorni.

Windows 10 Stardock

L’utility ModernMix di Stardock permette di aprire in finestra le App modern di Windows 8, come accade con quelle universal di Windows 10.

Aero Snap avanzato

Esistono molte utility per ampliare le funzioni di posizionamento e ridimensionamento automatico delle finestre. Una delle più potenti e complete è WindowSpace (www.ntwind.com/software/windowspace.html), un software commerciale che riproduce le ultime opzioni inserite nella versione 10 (come la suddivisione dello schermo in quattro quadranti) e altro ancora. Un’alternativa è Preme (www.premeforwindows.com), utility multifunzione gratuita che offre vari strumenti dedicati alla manipolazione delle finestre e al miglioramento dell’ergonomia del sistema operativo.

Focus con il puntatore del mouse

Una delle novità  benvenute ma poco reclamizzate di Windows 10 è il nuovo comportamento della funzione di scrolling con la rotellina del mouse: la nuova versione del sistema Microsoft, infatti, fa scorrere la lista o il documento posizionato sotto il cursore del mouse, indipendentemente dalla finestra attiva.
Per ottenere anche nelle versioni precedenti di Windows questo risultato (che, per inciso, è implementato da decenni nel server grafico X-11 di Unix/Linux), ci si può affidare a una delle utility dedicate. Per esempio segnaliamo le ottime KatMouse (https://ehiti.de/katmouse) e Mouse Hunter (www.amlpages.com/mousehunter.shtml).

Desktop virtuali

Un’altra funzione disponibile da decenni in altri sistemi operativi e introdotta per la prima volta da Microsoft in Windows 10 sono i desktop virtuali o multipli. In realtà , da tempo esistevano utility per simulare questa funzione in Windows. Una delle migliori è Dexpot (https://dexpot.de), un software di origine tedesca, gratuito per uso non professionale, che offre una dotazione di funzioni molto superiore a quella dell’implementazione nativa
di Microsoft. In particolare, Dexpot permette di spostare le finestre da un desktop all’altro trascinandole, e supporta una miriade di scorciatoie da tastiera.
Dario Orlandi

Come fare parentesi quadre su Windows come fare parentesi quadre su mac come fare parentesi graffe su Windows come fare parentesi graffe su Mac

Windows

Come fare parentesi graffe e quadre su Windows e Mac

Martina Pedretti | 6 Gennaio 2021

Apple Windows

Come fare parentesi graffe e parentesi quadre: le soluzioni per Windows e Mac Quando si scrive può capitare di avere […]

Come fare parentesi graffe e parentesi quadre: le soluzioni per Windows e Mac

Quando si scrive può capitare di avere necessità di digitare delle parentesi. Fino a che si tratta delle parentesi tonde, il problema non si pone. Chi però scrive testi scientifici o si occupa di questioni che vanno al di sopra del normale livello di utilizzo di un programma di videoscrittura potrà avere la necessità di inserire anche altri tipi di segni tipografici. La domanda, allora, sorge spontanea. Come fare parentesi graffe e quadre su Windows e Mac?

Potrà sembrarvi una questione piuttosto scontata, ma la verità è che davvero moltissime persone non riescono a fissare nella propria mente la sequenza di tasti da premere per far comparire le parentesi graffe o quadre. Ecco, allora, come fare!

Come fare parentesi quadre su Windows

Come fare parentesi quadre su Windows

Come fare parentesi quadre su Windows

Andiamo per gradi e iniziamo dalle parentesi quadre. Sul sistema Windows la combinazione è piuttosto semplice. Vi basterà tenere premuto il tasto ALT GR e poi premere su quello che contiene il simbolo della parentesi quadra aperta o chiusa, a seconda dei casi.

Il tasto ALT GR si trova a destra della barra spaziatrice mentre quelli dedicati alle parentesi seguono la P.

Come fare parentesi graffe su Windows

Come fare parentesi quadre su Windows come fare parentesi quadre su mac come fare parentesi graffe su Windows come fare parentesi graffe su Mac

Come fare parentesi graffe su Windows

Per le parentesi graffe il procedimento è molto simile. Vi basterà aggiungere alla combinazione precedente il tasto SHIFT. La combinazione, dunque, diventa ALT GR + SHIFT + i tasti parentesi.

Lo Shift è presente sia sul lato sinistro che su quello destro della tastiera, rispettivamente sotto Caps Lock e Invio.

Vedrete, dunque, che far comparire i simboli di cui avete necessità sarà estremamente semplice.

Se però state scrivendo su Word e non ricordate le combinazioni da tastiera, c’è un altro modo per inserire i vostri simboli.

Come fare parentesi graffe e quadre su Microsoft Word, OpenOffice Writer e LibreOffice

Come fare parentesi quadre su Windows come fare parentesi quadre su mac come fare parentesi graffe su Windows come fare parentesi graffe su Mac

I simboli di Microsoft Word

Se non ricordate le combinazioni dei tasti che vi abbiamo appena descritto, Word e gli altri programmi di videoscrittura più noti danno la possibilità di visualizzare una console che presenta diversi simboli al suo interno. Con un semplice doppio click, o premendo sul tasto Inserisci dopo averlo selezionato, sarà possibile inserire il segno grafico necessario, comprese le parentesi quadre e graffe.

Per visualizzare la maschera, sia su sistema operativo Windows che su Mac vi basterà:

  • Microsoft Word: andare nella scheda Inserisci e individuare sulla destra la voce Simbolo.
  • OpenOffice Writer: cliccare su Inserisci e successivamente su carattere speciale
  • LibreOffice Writer: cliccare su Strumenti e selezionare Simbolo

E per quanto riguarda il Mac?

Come fare parentesi quadre su Mac

Come fare parentesi quadre su Windows come fare parentesi quadre su mac come fare parentesi graffe su Windows come fare parentesi graffe su Mac

Come fare parentesi quadre su Mac

Anche in questo caso si parla di semplici combinazioni di tasti. Per le parentesi quadre non dovrete far altro che cliccare il tasto OPTION, che trovate a entrambi i lati della barra spaziatrice, e il tasto delle parentesi al fianco della lettera P

Come fare parentesi graffe su Mac

Come fare parentesi quadre su Windows come fare parentesi quadre su mac come fare parentesi graffe su Windows come fare parentesi graffe su Mac

Come fare parentesi graffe su Mac

Alla precedente combinazione, per fare le parentesi graffe su Mac, vi basterà aggiungere il tasto SHIFT, come nel caso di Windows. La nuova combinazione sarà SHIFT + OPTION + i tasti delle parentesi. Niente di più facile, non credete?

Flash Player

Windows

Flash Player, Adobe consiglia la rimozione su Windows 10

Luca Colantuoni | 28 Dicembre 2020

Adobe Flash Windows

Adobe ha iniziato a mostrare un avviso su Windows 10 per consigliare agli utenti la rimozione immediata di Flash Player, il cui supporto terminerà il 31 dicembre.

Manca ormai pochi giorni alla “morte digitale” del famigerato Flash Player. Adobe aveva già comunicato che il supporto ufficiale terminerà il prossimo 31 dicembre, data nuovamente confermata in occasione della distribuzione dell’ultima patch. Ora l’azienda californiana ha iniziato a mostrare un avviso per spingere gli utenti a rimuovere il software da Windows 10.

La schermata è simile a quella che viene visualizzata quando è disponibile una nuova versione del plugin. In questo caso però viene comunicato all’utente che il supporto terminerà il 31 dicembre e che l’esecuzione dei contenuti Flash verranno bloccati a partire dal 12 gennaio 2021. Pertanto è fortemente raccomandata la rimozione immediata del Flash Player, cliccando il pulsante presente nel popup.

Flash Player warning

Il suggerimento riguarda la versione del software installato in Windows 10. Microsoft ha già rilasciato una patch facoltativa (KB4577586) che deve essere scaricata manualmente dal catalogo. La stessa patch verrà distribuita attraverso Windows Update all’inizio del 2021.

Le versioni integrate nel nuovo Edge e in Chrome verranno rimosse con un successivo aggiornamento. Mozilla non supporterà più Flash Player a partire da Firefox 85. Il software di Adobe è stato ormai soppiantato dalle moderne tecnologie open source, come HTML5, WebGL e WebAssembly, quindi non ha più senso continuare lo sviluppo di una tecnologia proprietaria, obsoleta e pericolosa per la sicurezza.

I fan di Flash potranno tuttavia accedere ai contenuti “vintage” tramite Internet Archive. Gli utenti troveranno migliaia di animazioni e giochi, ma non dovranno scaricare nulla, in quanto occorre solo un browser compatibile con WebAssembly, ovvero tutti quelli più noti (Chrome, Edge, Firefox e Safari).

Loituma Girl

Software (ingranaggi), Executor

Utility

Gestire e terminare i processi in memoria con ProcessKO

Alfonso Maruccia | 24 Dicembre 2020

Software Windows

ProcessKO permette di gestire e “terminare” i processi dei programmi attualmente in memoria su Windows. Un tool potenzialmente molto utile da usare con la dovuta attenzione.

Gestione Attività è il tool tradizionalmente utilizzato, dai power user come dagli utenti comuni, per gestire e chiudere i processi dei programmi attualmente aperti su Windows. Gli strumenti alternativi pensati in qualche modo per “aumentare” lo stesso task sono ovviamente legione, e includono anche un’utility dalle caratteristiche interessanti chiamata ProcessKO.

Come il nome lascia intendere, anche ProcessKO fa parte dell’offerta freeware di SoftwareOK, ed è ispirato agli stessi principi di essenzialità e praticità che animano il resto delle utility create dal programmatore tedesco Nenad Hrg. Il programma è portabile, ed è disponibile in comodi archivi ZIP contenenti le versioni a 32-bit, Unicode, Win9x, 64-bit. La versione descritta nel corso dei prossimi paragrafi è appunto quest’ultima.

ProcessKO - 1

A un primo avvio, l’interfaccia di ProcessKO appare piuttosto spoglia. Al centro dell’interfaccia vengono indicati i processi “preferiti” ovvero salvati dall’utente attraverso l’apposito Menu in alto tra quelli attualmente presenti in memoria, ed è possibile chiudere tutti i suddetti processi preferiti contemporaneamente tramite l’icona *.* sulla destra.

ProcessKO - 2

Ulteriori possibilità di “uccisione” dei processi sono accessibili dal Menu Chiusura istantanea (KO), oppure dal Menu Timer KO se vogliamo specificare un conto alla rovescia (in basso a destra) per la terminazione di un processo. In tutti i casi, i processi saranno terminati in maniera “silenziosa” (senza nessun avviso di conferma) solo se prima avremo messo la spunta alla casella in stile “so quel che faccio” presente in basso a sinistra.

Dall’icona in alto a sinistra, accanto ai Menu Preferiti/KO/Timer, potremo infine accedere a una serie di opzioni aggiuntivi per la minimizzazione di ProcessKO nell’Area di Notifica, l’avvio assieme a Windows, l’esecuzione in modalità amministrazione e altro ancora. Tutto considerato, ProcessKO si rivela essere un’interessante alternativa all’utility Gestione Attività nativa di Windows. Potenzialmente utilissimo, da usare con la massima attenzione per evitare di far danni con i file e i programmi.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.